BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2015 precompilato: Pin, scaricare modello, integrazione documenti, compilazione, invio. Come funziona e istruzioni

Manca meno di una settimana all’invio da parte dell'Agenzia delle Entrate del nuovo 730 precompilato 2015 a pensionati, dipendenti e assimilati: tutte le istruzioni da seguire




Manca meno di una settimana all’invio da parte dell'Agenzia delle Entrate del nuovo 730 precompilato 2015 a pensionati, dipendenti e assimilati. L’invio online del 730 precompilato inizierà dal prossimo 15 aprile e i contribuenti che lo riceveranno per visualizzarlo, modificarlo e integrarlo dovranno scaricarlo online direttamente dallo stesso sito dell’Agenzia delle Entrate. Per accedere alla propria dichiarazione dei redditi bisognerà inserire le proprie credenziali e il Pin. Se non si è in possesso del Pin si può richiedere sul sito www.agenziaentrate.gov.it, telefonando al numero 848.800.444 o agli uffici territoriali delle Entrate, e si riceverà la prima parte del Pin. La seconda parte sarà inviata online in 15 giorni.

Ma per visualizzare la propria dichiarazione dei redditi precompilata, si può anche accedere tramite sito Inps, inserendo le proprie credenziali Inps, e si verrà rimandati al sito delle Entrate. Secondo gli ultimi dati, dall'inizio dell'anno, circa mezzo milione di contribuenti hanno già richiesto le credenziali di accesso ai servizi online dell'Agenzia delle Entrate, arrivando a 2,5 milioni e sommati ai 4,5 milioni di cittadini già in possesso del Pin dispositivo dell'Inps si arriva a 7 milioni gli italiani già pronti per accedere online alla propria dichiarazione precompilata.

I contribuenti che, invece, sono in possesso di Smart Card/Cns possono seguire una procedura semplificata: il sistema dopo aver effettuato i controlli sulla Carta nazionale dei servizi inserita nel lettore, fornirà immediatamente al contribuente il codice Pin e la password per l'accesso a Fisconline. Se, invece, dovesse accadere che il contribuente perde la password, può ripristinarla accedendo alla funzione Ripristina password nell'area Entratel/Fisconline della home page del sito delle Entrate, inserendo il codice Pin e la password iniziale. Chi non trova nemmeno la password iniziale deve chiedere in uno degli uffici dell'Agenzia di annullare l'attuale abilitazione e chiederne una nuova.

Il 730 precompilato contiene buona parte dei dati necessari per definire la dichiarazione dei redditi dei contribuenti interessati, dai redditi da lavoro e pensione, alle spese per mutui, contratti d’affitto, sui premi assicurativi e contributi previdenziali, compravendite di immobili, tutte le altre informazioni che il Fisco già possiede all’interno delle sue banche dati, dati risultanti dalla dichiarazione dell’anno precedente, quanto abbiamo versato o quale credito non utilizzato ci riportiamo in dichiarazione quest’anno, informazioni inerenti le ristrutturazioni edilizie già inserite per il 2013 o per gli anni precedenti. L’ Agenzia delle Entrate fornirà inoltre l’elenco dei dati inseriti nella dichiarazione e di quelli che non ha potuto inserire perchè non completi o incongruenti.

Mancano, tuttavia, quest’anno nel 730 precompilato diverse informazioni, come quelle sulle spese sanitarie, sulle spese funebri, sulle spese sostenute per l’istruzione dei propri figli. E in questo caso si tratta di alcune di quelle informazioni che dovranno essere integrate quest’anno. Dal prossimo 2016, però, saranno riportate direttamente anch’esse. Una volta modificato e corretto, il modello 730 precompilato deve essere reinviato modificato o integrato all’Agenzia delle Entrate dal primo maggio al 7 luglio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il