BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni,riforma Garante detenuti svuota carceri,DEF consiglio Ministri,disoccupazione indennità: novità oggi sabato Governo Renzi

Nuovi ammortizzatori sociali, nuovo Def 2015, nuova figura del garante dei detenuti e ancora tutto fermo sulla questione pensioni: le novità ad oggi 9 aprile del governo Renzi




Cambiano gli ammortizzatori sociali, domani 10 aprile si prepara ad  approdare in Cdm il Def per il voto, mentre mercoledì 15 entra ufficialmente in vigore il garante dei detenuti. Vediamo le ultime novità del governo Renzi.

Pensioni: Soluzione di pensione anticipata come quelle previste dal ddl di Cesare Damiano, il cui esame è ripreso in Aula e mentre il governo Renzi continua a promettere interventi su prepensionamenti, prestiti previdenziali, esodati, quota 96 della scuola ma nel frattempo è ancora fermo sugli interventi concreti da mettere in pratica. Si continua, infatti, a discutere di piani di uscita anticipata e flessibile per tutti ma, dalle prime indiscrezioni emerse sul nuovo Def, non dovrebbero essere al momento previsti in tal senso a causa delle condizioni economiche ancora di difficoltà in cui versa l’Italia. Motivo per il quale, tra l’altro, l’Ue è contraria a qualsiasi intervento pensionistico in tal senso. Bisognerà attendere le prossime settimane per capire le reali intenzioni di lavoro.

Riforma indennità disoccupazione: Il decreto attuativo del Jobs act ha portato al via libera ufficiale dei nuovi ammortizzatori sociali, Dis Coll, Naspi e Asdi. Il primo è il nuovo sussidio di disoccupazione per i disoccupati alla gestione separata dell’Inps e per i CoCoPro, collaboratori coordinati e continuativi e a progetto, e per richiederlo bisogna aver maturato almeno tre mesi di contribuzione dal primo gennaio dell’anno solare precedente la cessazione dal lavoro ad essa stessa; aver maturato un mese di contribuzione nell’anno solare in cui si verifica la cessazione di lavoro; o aver concluso un rapporto di collaborazione di almeno un mese. L’importo erogato con nuovo Dis-Coll è pari al 75% del reddito medio mensile nei casi in cui il reddito mensile sia pari o inferiore a 1.195 euro mensili nel 2015, ma non può comunque superare 1.300 euro nel 2015. Il Dis-Cool ha una durata massima di 6 mesi e la richiesta deve essere presentata online all’Inps, entro 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro. Dal primo maggio parte invece a Naspi, Assicurazione Sociale per l’impiego, che sostituisce l’Aspi e vale per i lavoratori dipendenti privati a tempo indeterminato e a termine, e da quelli pubblici assunti a termine. Per richiederla bisogna aver maturato almeno 13 settimane di contributi negli ultimi 4 anni di lavoro e 18 giornate effettive di lavoro negli ultimi 12 mesi; sarà erogata mensilmente dall'Inps, per una durata massima di 18 mesi e importi massimi di 1.300 euro al mese. Al termine della Naspi se il lavoratore disoccupato non ha trovato un nuovo lavoro, potrà ancora richiedere l’Asdi, nuovo Assegno di disoccupazione, che durerà altri sei mesi, e che si può chiedere se una volta concluso il periodo di erogazione della Naspi il lavoratore disoccupato non ha trovato una nuova occupazione. L’Asdi prevede l’erogazione di un assegno di importo pari al 75% dell’ultimo assegno Naspi, e per riceverlo bisognerà aver maturato almeno 3 mesi di contributi dal primo gennaio dell'anno precedente o un mese nell'anno in cui si perde il lavoro. Ma si attendono anche gli altri decreti attuativi del Jobs Act sulle misure per la tutela della maternità e per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, con l’estensione della possibilità del congedo parentale fino ai 12 anni del bambino dagli 8 attuali e di quello parzialmente retribuito dagli attuali 3 anni ai 6 anni.

Def e Cdm: E' atteso per domani, venerdì 10 aprile, il via libera al nuovo Def, documento di Economia e Finanza annunciato dal premier Renzi e dal ministro dell’Economia Padoan, che definisce i prossimi interventi da inserire nella nuova Legge di Stabilità. Dopo il Consiglio dei Ministri di domani, il documento passerà alle Camere per la risoluzione parlamentare ed entro il 30 aprile dovrà essere trasmesso a Bruxelles.

Svuota Carceri Garante detenuti: Tutto pronto per l’entrata in vigore del garante dei detenuti, la nuova struttura prevista dal decreto svuota carceri dello scorso anno. Si tratta di un istituto che vigilerà sulle condizioni di reclusione dei detenuti per prevenire eventuali violazioni di diritti fondamentali, che hanno portato il nostro Paese ad essere condannata da Bruxelles. Vi saranno impiegate venticinque persone, che saranno prelevate dagli organici del ministero della Giustizia, che subirà modifiche interne tra uffici, aree e personale nei prossimi mesi. Il Garante avrà sede proprio nei locali che ospitano il ministero della Giustizia in via Arenula ed entrerà in vigore ufficialmente mercoledì 15 aprile.

Spesometro: Domani, venerdì 10 aprile, scade il primo termine di presentazione dello spesometro 2015 per i contribuenti che liquidano l’Iva mensilmente. Altri due i termini fissati, quello del 22 aprile per i contribuenti che liquidano trimestralmente l’Iva, e quello del 30 aprile per gli operatori finanziari che devono comunicare gli acquisti superiori a 3.600 euro pagati con bancomat o carte di credito. L'Agenzia delle Entrate ha comunicato che sono esonerate dall’invio le P.A. e i commercianti al dettaglio e i tour operator per le fatture sotto i 3mila euro al netto dell'Iva. L’attesa è per una nuova comunicazione ufficiale da parte dell’Agenzia delle Entrate su un’eventuale approvazione della proroga richiesta da Consulenti del Lavoro e professionisti abilitati sulla scadenza di domani, considerando che il nuovo software per la compilazione del modello è stato reso disponibile solo lo scorso 4 aprile lasciando così poco tempo ai professionisti di rispondere a tutte le richieste dei contribuenti, o l’annullamento di multe e sanzioni in caso di ritardo. Il ritardo della presentazione dello spesometro 2015 prevede, infatti, una sanzione amministrativa che va da un minimo di euro 258,23 a euro 2065,83.

Disoccupati 2016: assegno, indennità, agevolazioni. Debutta il nuovo assegno di disoccupazione nel 2016, vediamo quali sono le caratteristiche, a chi è rivolto e come funziona

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il