BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità, donne, vecchiaia riforma Governo Renzi: novità calendario Aprile appuntamenti ed eventi ufficiali e non

Quali sono le novità da mettere in conto sulla riforma pensioni Renzi alla luce delle ultime notizie in ambito privato e pubblico?




Aprile può rivelarsi un mese importante per la riforma pensioni. E non solo per le ultime notizie che arrivano da versante degli statali, ma anche per le ultimissime notizie relative al Documento di economia e finanza. Le novità potrebbero avere segno negativo ovvero sono da mettere in conti anche tagli e riduzioni, come quelle a cui sono destinati gli assegni di invalidità.

Più in generale, l'obiettivo del governo per la revisione della spesa è fissato in 10 miliardi di euro per il 2016. Risorse che vanno trovate eliminando o risparmiando su singoli capitoli di spesa. Il raggiungimento degli obiettivi della spending review è fondamentale per evitare che scattino le clausole di salvaguardia che, tra l'altro, porterebbero l'Iva al 25,5% e 700 milioni di euro di ulteriori accise. Per recuperare risorse il governo avrebbe intenzione di mettere mano agli sconti fiscali, agendo non tanto sulle detrazioni per i singoli contribuenti ma sugli incentivi e le agevolazioni alle imprese.

Fari puntati anche sulla nuova gestione dell'Inps con il presidente Tito Boeri che sta portando avanti l'operazione trasparenza. Si tratta di rendere pubbliche le disuguaglianze previdenziali per via dell'applicazione di diversi sistemi di calcolo dell'assegno, retributivo o contributivo.

Capitolo pubblica amministrazione, stop alle novità inserite last minute nella riforma, ancora in via di cristallizzazione. Nel mirino del governo ci sono anche emendamenti rilevanti, come quelli sulla dirigenza e sul precariato, accomunati dal fatto di essere stati approvati senza aspettare il via libera sulle coperture economiche. Si tratterebbe quindi di norme a rischio, visto che, ha voluto spiegare con attenzione il viceministro dell'Economia, Enrico Morando, "gli emendamenti su cui non sia stato espresso un parere favorevole da parte della commissione Bilancio della Camera dei deputati dovrebbero essere considerati inammissibili".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il