BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2015 precompilato online e Caf cartaceo: domande e risposte come fare PIN, compilazione, integrazione, invio, controlli

Dalla prossima settimana l’Agenzia delle Entrate inizierà ad inviare il modello 730 precompilato: chi lo riceverà e come fare per richiedere il modello in formato cartaceo.




Si avvicina il tempo della dichiarazione dei redditi per i contribuenti italiani e da quest’anno, per coloro che presentano solitamente il modello 730, è in arrivo la novità del 730 precompilato che l’Agenzia delle Entrate inizierà ad inviare in via telematica dal 15 aprile prossimo. Cerchiamo di capire le novità e come fare con il classico modello cartaceo.

Chi riceverà il nuovo 730 precompilato online?

Il nuovo 730 precompilato 2015 sarà inviato a lavoratori dipendenti e assimilati e pensionati.

Come si scarica il modello online?

Per scaricare il 730 precompilato online bisogna andare sul sito dell’Agenzia delle Entrate, inserire le proprie credenziali e il Pin e si potrà così visualizzare la propria dichiarazione dei redditi che potrà essere stampata, ed eventualmente corretta o integrata con le informazioni mancanti. I contribuenti che non hanno il pin possono richiederlo gratuitamente insieme alla password personali sia online sul sito istituzionale dell’Agenzia, sia presso un ufficio delle Entrate, anche per il tramite di soggetto delegato, o per telefono contattando il numero 848.800.444. Se la richiesta è effettuata dal diretto interessato presso un ufficio dell’Agenzia, il contribuente riceverà la prima parte del codice Pin e la password di primo accesso. La seconda parte del Pin si riceverà direttamente online in 15 giorni. Se, invece, il pin viene richiesto online, per telefono, o tramite soggetto delegato, la prima parte del pin sarà rilasciata immediatamente, mentre la seconda parte, con la password di primo accesso, sarà inviata per posta presso il domicilio del contribuente registrato in Anagrafe tributaria.

Cosa contiene il nuovo modello 730 precompilato?

Il 730 precompilato contiene redditi da lavoro e da pensione, redditi derivanti da collaborazioni occasionali, redditi catastali dei fabbricati, detrazioni per familiari a carico, trattenute fiscali effettuate dal datore di lavoro o dall’Inps, alcuni dati già presenti nel 730 dello scorso anno, come gli eventuali crediti d’imposta ancora pendenti o le detrazioni derivanti dai lavori di ristrutturazione edilizia ripartite in più rate annuali e saranno inoltre calcolate anche le detrazioni che spettano al contribuente per i versamenti nelle polizze vita e nei fondi pensione, sulla base delle informazioni inviate al fisco dalle banche e dalle compagnie assicurative. L’ Agenzia delle Entrate fornisce anche l’elenco dei dati inseriti nella dichiarazione e di quelli che non ha potuto inserire perchè non completi o incongruenti.

Ci sono spese da integrare nel nuovo 730 precompilato online?

Tra i dati e le informazioni riportate nel nuovo 730 precompilato, mancano quelle su spese sanitarie o spese sostenute per l’istruzione dei propri figli, le spese funebri, l’assegno al coniuge separato, informazioni che saranno incluse direttamente solo dal prossimo 2016.

Come ci si comporta con il nuovo 730 precompilato in fatto di rimborsi?

Per i rimborsi, sono previste le stesse modalità di tutti gli anni e sono uguali a quelli del 730 ordinario. Se risulta un credito da rimborsare la somma si riceverà direttamente dal datore di lavoro dal mese di luglio o dall'ente pensionistico a partire dal mese di agosto o settembre. Anche chi non ha il sostituto di imposta può richiedere il rimborso che verrà eseguito direttamente dall’Agenzia delle Entrate, su conto corrente bancario, se indicato, in Posta in contanti ma solo se la somma è inferiore ai mille euro, mentre in caso di importi superiori sarà effettuato tramite vaglia della Banca d’Italia.

Il 730 precompilato online prevede vantaggi?

Si. Il vantaggio di scaricare e provvedere alle modifiche del proprio 730 precompilato è che il contribuente che lo farà autonomamente direttamente online, senza modifiche o con modifiche, non sarà soggetto a controlli documentali sulle spese legate ai mutui fondiari e agrari, le spese legate alle assicurazioni e agli enti previdenziali, mentre se la dichiarazione viene inviata, con o senza modifiche, da Caf o altri professionisti abilitati, i controlli scatteranno nei confronti dell’intermediario che, in caso di errore, sarà soggetto alle sanzioni e agli interessi previsti.

C’è possibilità di richiedere il modello 730 in classico formato cartaceo?

Si, nonostante la novità del 730 precompilato, si può comunque richiedere il modello 730 in formato cartaceo a Caf, commercialisti e altri professionisti abilitati per cui quest’anno bisognerà pagare.

A chi deve essere presentato il Modello 730 cartaceo?

Il Modello 730 può essere presentato al proprio sostituto d’imposta (datore di lavoro o ente pensionistico), a un Caf o a un professionista abilitato (consulente del lavoro, dottore commercialista, ragioniere o perito commerciale). I dipendenti delle amministrazioni dello Stato possono presentare il Modello 730 all’ufficio che svolge le funzioni di sostituto d’imposta.

Quali sono i documenti da presentare a Caf e professionisti abilitati per la compilazione del 730 cartaceo?

Il contribuente che decide di farsi compilare in modalità ordinaria il modello 730 deve sempre presentare al Caf o al professionista abilitato la documentazione necessaria per verificare la conformità dei dati riportati nella dichiarazione. La documentazione comprende certificazioni che documentano le ritenute, come il Cud 2014, nuova Certificazione Unica; fatture, scontrini, ricevute, che attestano le spese sostenute. Nel caso di spese sostenute per le ristrutturazioni edilizie, bisogna presentare le ricevute dei bonifici bancari o postali, dalle fatture e ricevute fiscali comprovanti le spese sostenute, dalle quietanze di pagamento degli oneri di urbanizzazione, dagli attestati di versamento delle ritenute operate dal condominio sui compensi dei professionisti, la quietanza rilasciata dal condominio che attesta il pagamento delle spese imputate al singolo condomino. Se gli interventi sono stati effettuati sulle parti comuni, la documentazione può essere sostituita da una certificazione dell’amministratore di condominio che attesti di aver adempiuto a tutti gli obblighi previsti per fruire della detrazione spettante; o gli attestati di versamento d’imposta eseguiti direttamente dal contribuente con modello F24.

Quando deve essere presentato il Modello 730?

Sia che si tratti del nuovo modello 730 precompilato 2015, sia che si decida di presentare la dichiarazione con modello 730 in formato cartaceo, la scadenza di invio è fissata dal primo maggio al 7 sette luglio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il