BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: sistemi contributi rinnovati accanto a quota 100, mini pensioni, prestito

Maggiore flessibilità in uscita per modificare la riforma pensioni Fornero ma anche maggiore sostegno alle forme di versamento contributivo volontario: le ultime notizie




Andare in pensione con età e contributi differenti in base alla tipologia di lavoro svolto attraverso la creazione di tabelle con nuovi requisiti pensionistici fissati; in pensione anticipata con quota 100, risultato di somma dell’età anagrafica e contributiva che permetterebbe di andare in pensione, per esempio, a 60 anni di età con 40 anni di contributi, o a 61 anni di età con 39 anni di contributi, o a 62 anni di età con 38 anni di contributi e così via purchè, come si evince, sommando età e contributi si ottiene 100 come risultato.

E ancora rendere più flessibili i requisiti pensionistici imposti dalla riforma pensioni Fornero con prestito pensionistico o staffetta generazionale e part time e turn over lavorativo. Ma non solo. Tra le novità e ultime notizie, anche una nuova proposta che prevede un maggior ricorso alla totalizzazione senza oneri di tutti i periodi contributivi e versamenti volontari detassati. Lo scopo della novità è aumentare l’ammontare contributivo versato dai lavoratori su base volontaria, da nuovi incentivi fiscali per i versamenti volontari, alla possibilità di una maggiore convenienza per chi decide di riscattare gli anni di laurea, all’estensione della totalizzazione a tutti i versamenti in modo che il lavoratore non perda nulla.

Si tratta di forme di incentivi che affiancate alle possibilità di una maggiore flessibilità in uscita contribuirebbero a rendere decisamente più equo, giusto e sostenibile il sistema previdenziale italiano. Del resto, questo è l’obiettivo che si promette di perseguire il presidente dell’Inps, Tito  Boeri, sostenuto ora anche dal nuovo commissario per la spending review Gutgeld, già consigliere economico del premier Renzi.

E’ chiaro, dunque, come oltre a rendere la legge Fornero e i suoi requisiti più ‘morbidi’ sia anche importante sostenere una maggiore complementarietà fra i pilastri della previdenza, fra quello obbligatorio e i due volontari, in modo da rendere sempre più ‘forte’ il nostro sistema pensionistico. Sempre più ipotesi di intervento, dunque, sul tema ormai controverso del pensionamento, sempre più le richieste di cambiamento, con i soliti ostacoli ancora da superare, dalla mancanza di soldi, dichiarata ma poi in fondo non così reale perché se il governo volesse sul serio potrebbe recuperare soldi da altri interventi, e Ue.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il