BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, anzianità, uomini riforma Governo Renzi: novità elezioni regionali con strategie mirata tra conferme e smentite

Ancora annunci per interventi riforma pensioni in vista delle prossime elezioni di maggio: puntare su novità previdenziali potrebbe essere una buona mossa? Ultime notizie




Domenica 31 maggio in alcune Regioni come Toscana, Liguria, Veneto, Marche, Campania, Umbria e Puglia e in 1089 Comuni, tra cui 18 capoluoghi, Trento, Aosta, Bolzano, Venezia, Lecco, Enna, Mantova, Agrigento, Matera, Andria, Arezzo, Chieti, Macerata, Rovigo, Nuoro, Sanluri, Tempio Pausania, Vibo Valentia, si terrano nuove elezioni regionali e amministrative e in vista di questo importante appuntamento che sarà certamente specchio dell’andamento del governo Renzi ci si prepara ad affrontare al meglio le tematiche che più sono care ai cittadini, a partire dalla riforma pensioni Fornero e dalle attese modifiche che tutti ormai attendono solo di vedere realizzare.

Del resto, riforma pensioni e altri temi sociale di concreto interesse dei cittadini sono gli argomenti su cui puntare, quelli che suscitano reale interesse delle persone perché, a differenza di riforma Costituzionale, elettorale, della Giustizia, ne sono toccati più da vicino. Nonostante le novità e ultime notizie confermino che sono tutti d’accordo, tra politici, sindacati, premier Renzi, presidente dell’Inps Boeri, industriali di Confindustria, ancora nulla è stato fatto di concreto per cambiare la legge Fornero ma i primi passi l’Inps li ha mossi, dando il via a quella operazione trasparenza che si propone di rendere più equo e giusto il sistema pensionistico italiano.

E questo rappresenta certamente un primo passo importante verso il cambiamento: eliminare tutte le iniquità del nostro sistema previdenziale e puntare ad una migliore ed equilibrata distribuzione delle risorse è certamente cruciale per la ripresa della fiducia da parte dei cittadini.

Si continua, invece, a temporeggiare sui piani di uscita anticipata e flessibile per tutti, come con prestito pensionistico o mini pensione, con quota 100 rilanciata da Cesare Damiano, con staffetta generazionale e part time, con estensione del sistema contributivo per tutti, ed anche se il ministro del Lavoro Poletti ha annunciato che probabili novità si potrebbero vedere con la prossima Legge di Stabilità, il viceministro Morando ha, invece, dichiarato che il governo al momento non ha in agenda interventi sulle pensioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il