BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2015 precompilato e Certificazione Unica: istruzioni, come fare entrare siti web PIN, scaricare modello, compilare, integrare

Oggi mercoledì 15 aprile 2015, l'Agenzia delle Entrate inizierà ad inviare il nuovo 730 precompilato 2015 a pensionati, dipendenti: cosa fare e chiarimenti




Oggi, mercoledì 15 aprile, l'Agenzia delle Entrate inizierà ad inviare il nuovo 730 precompilato 2015 a pensionati, dipendenti e assimilati e i contribuenti che lo riceveranno per visualizzarlo, modificarlo e integrarlo dovranno scaricarlo online direttamente dallo stesso sito dell’Agenzia delle Entrate. Per accedere alla propria dichiarazione dei redditi bisognerà inserire le proprie credenziali e il Pin e se non si è in possesso del Pin si può richiedere sul sito www.agenziaentrate.gov.it, telefonando al numero 848.800.444 o agli uffici territoriali delle Entrate, e si riceverà la prima parte del Pin. La seconda parte sarà inviata online in 15 giorni.

I contribuenti che hanno Smart Card/Cns possono seguire una procedura semplificata: il sistema dopo aver effettuato i controlli sulla Carta nazionale dei servizi inserita nel lettore, fornirà immediatamente al contribuente il codice Pin e la password per l'accesso a Fisconline. Se, invece, il contribuente perde la password può ripristinarla accedendo alla funzione Ripristina password nell'area Entratel/Fisconline della home page del sito delle Entrate, inserendo il codice Pin e la password iniziale. Chi desiderasse ulteriori istruzioni sul nuovo 730 precompilato può consultare il sito https://info730.agenziaentrate.gov.it/portale/ o il canale video dell'Agenzia delle Entrate per l'assistenza ai contribuenti per la dichiarazione dei redditi.

Il nuovo 730 si può comunque anche richiedere, come al solito, direttamente a Caf, commercialisti o altri professionisti abilitati. Il 730 precompilato contiene informazioni e dati necessari per definire la dichiarazione dei redditi dei contribuenti interessati, dai redditi da lavoro e pensione, alle spese per mutui, contratti d’affitto, sui premi assicurativi e contributi previdenziali, compravendite di immobili, tutte le altre informazioni che il Fisco già possiede all’interno delle sue banche dati, dati risultanti dalla dichiarazione dell’anno precedente, quanto abbiamo versato o quale credito non utilizzato ci riportiamo in dichiarazione quest’anno, informazioni inerenti le ristrutturazioni edilizie già inserite per il 2013 o per gli anni precedenti.

Bisognerà, tuttavia, procedere ad eventuali modifiche o integrazioni di spese non riportate come le spese sanitarie, veterinarie, spese funebri o per l’istruzione dei figli. Modificato e integrato, il 730 dovrà essere reinviato alle Entrate dal primo maggio al 7 luglio.

Certificazione Unica 2016. Come scaricare, ricevera la CU 2015 (ex CUD). I 4 modelli differenti, come approtare le modifiche e aggiungere detrazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il