BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Cerca







Btp Italia 2015 Aprile: rendimento netto e interessi ufficiali comunicazione oggi giovedì. Quando, orario 16 Aprile 2015

Primi acquisti nuova emissione Btp Italia 2015: tasso annuo definitivo finale sarà reso noto a fine collocamento. Previsioni e caratteristiche titolo




E’ partita ieri 13 aprile, l’ottava emissione del Btp Italia, titolo legato all'inflazione italiana che durerà fino a giovedì 16 aprile e, a differenza delle precedenti emissioni, avrà una durata di otto anni. Nel primo giorno di emissione ha registrato quasi 3,4 miliardi di euro di sottoscrizioni. La decisione di fissare la scadenza a 8 anni, hanno precisato dal Mef, risponde all'esigenza emersa nell'attuale contesto di mercato da parte degli investitori di disporre di uno strumento che offra protezione verso l'inflazione domestica con un orizzonte temporale più lungo e sarà ancora un unico titolo per investitori retail e istituzionali. Fino a domani, mercoledì 15, la vendita del titolo è riservata solo ai clienti privati, mentre la giornata di giovedì varrà solo per i clienti istituzionali.

Il titolo, come sempre, è collocato sul mercato, attraverso la piattaforma elettronica Mot di Borsa Italiana e per chi lo acquista oggi e lo detiene fino alla naturale scadenza avrà il classico premier fedeltà. Bisognerà aspettare la fine del collocamento per conoscere il tasso annuo definitivo finale, mentre quello cedolare (reale) annuo minimo garantito è stato fissato al 0,50%.

Le previsioni stimano che anche questa ottava emissione del Btp Italia dovrebbe raccogliere grandi consensi perché, come spiegato da Maria Cannata, “Sui titoli indicizzati l'interesse c'è, perché il mercato è fiducioso che la ripresa sia ormai in vista”.

Il rendimento netto finale dipenderà poi dalla domanda, che al momento di attesta come ad ottobre, ed è difficile che domani ci sia una chiusura anticipata, tanto per i clienti privati che per gli investitori istituzionale. La previsione, comunque, è che il rendimento, considerando anche lo spread sostanzialmente stabile e la domanda non fortissima, alla fine si attesti a quello minimo garantito senza ulteriori rialzi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il