BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie tribunali ancora protagonisti con modifiche leggi in vigore

Nuova sentenza della Cassazione cancella l’obbligo di assegni di mantenimento per chi si rifà una famiglia: quali conseguenze sulle pensioni di reversibilità: le novità




Prima il caso dei quota 96 della scuola finito in Tribunale, poi la bocciatura della Corte Costituzionale del referendum abrogativo presentato dalla Lega per la totale cancellazione della riforma pensioni Fornero, ora l’attesa di altre due sentenze della Consulta su legittimità del prelievo di solidarietà sulle pensioni d’oro e sulla perequazione automatica delle pensioni superiori tre volte il minimo Inps, e una nuova sentenza che cancella l'obbligo di pagamento degli alimenti se l’ex coniuge si è rifatto una famiglia. Decisione che potrebbe avere risvolti anche per gli assegni di reversibilità. Cerchiamo di capire la novità.

Mentre le ultime notizie parlano dell’attesa sentenza della Consulta sul contributo di solidarietà, che potrebbe avere conseguenze per l’applicazione, o meno, del ricalcolo contributivo così come proposto dal presidente dell’Inps Boeri, che cioè seguirebbe lo stesso meccanismo del prelievo di solidarietà andando a colpire le pensioni decisamente più elevate, la Corte di Cassazione ha stabilito che viene meno il diritto all’assegno di mantenimento se uno dei due ex coniugi si rifà una famiglia, anche nel caso in cui si tratti di  una convivenza di fatto e non di un secondo matrimonio in piena regola.

Si tratta, tuttavia, di una decisione ribadita, visto che già con la sentenza 17195 del 2011, la Cassazione aveva stabilito il principio che ‘il subentrare di una famiglia di fatto faceva cadere la necessità economica del mantenimento da parte dell’ex coniuge’.

Conseguenze di tale sentenza potrebbero arrivare anche per gli assegni di reversibilità. Se, infatti, il coniuge sopravvissuto dovesse rifarsi una nuova famiglia di fatto, non dovrebbe più essere considerato vedovo/vedova e quindi non dovrebbe godere nemmeno dell’assegno di reversibilità. Si attendono però in merito chiarimenti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il