Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: quota 100, prestito, mini pensione in prospettiva elezioni regionali

Le elezioni regionali di maggio potrebbero mostrare le reali intenzioni del governo Renzi di agire sulla riforma pensioni Fornero: sarebbe solo strategia o ipotesi reali?

Pensioni Governo Renzi riforma ultime no


Domenica 31 maggio si terranno le nuove elezioni regionali in Toscana, Liguria, Toscana, Umbria, Campania, Marche, Puglia e si voterà anche in 1089 Comuni, tra cui 18 capoluoghi, Trento, Aosta, Venezia, Bolzano, Lecco, Mantova, Rovigo, Enna, Agrigento, Vibo Valentia, Matera, Andria, Chieti, Macerata, Arezzo, Sanluri, Tempio Pausania, Nuoro. E si tratta di una novità che potrebbe avere conseguenze sui programmi di intervento anche sulla riforma pensioni Fornero. Il motivo?  

Dai primi sondaggi sul consenso degli italiani, risulta che il Pd è nettamente in calo e quale migliore strategia per tornare ad avere consensi se non quello di presentare interventi sulle pensioni tanto care ai cittadini? Affrontare, infatti, questioni sociali fondamentali potrebbe portare a nuovi consensi al governo, esattamente come accaduto lo scorso anno, quando alla vigilia delle scorse elezioni, il premier Renzi aveva annunciato l’estensione del bonus di 80 euro anche ai pensionati, a partire dal 2015, promessa mai mantenuta e che, in realtà, tanti ancora attendono.

Questa volta le novità potrebbero interessare le uscite flessibili e il prelievo di solidarietà sostenuti dal sottosegretario Baretta, i sistemi di quota 100, prestito pensionistico e staffetta generazionale, sui cui da mesi premono diversi partiti ma anche forze sociali e lavoratori.

Se così fosse, potrebbe certo trattarsi solo di una strategia ma che contribuirebbe ad alimentare le speranze di quanti auspicano effettivamente interventi flessibili per le pensioni, dando credito alle dichiarazioni del ministro del Lavoro Poletti che solo qualche settimana fa ha detto che probabilmente novità pensionistiche potrebbero essere contenute nella nuova Legge di Stabilità di ottobre. A fermare qualsiasi aspettative, però, le ultime parole del viceministro Morando che ha dichiarato come al momento non sia al vaglio del governo alcun intervento sulle pensioni.

Ti č piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il