BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, anzianità, uomini riforma Governo Renzi: novità continuano seppur differenza tra realtà e annunci è tanta

Quali le reali intenzioni del governo Renzi di agire sulla riforma pensioni? Continuano a susseguirsi proposte, annunci e promesse ma ancora nulla di concreto. Le novità




Ue e Mef sono contrari ad agire con novità sulla riforma pensioni Fornero e continuano a ribadire la loro posizione, il viceministro Morando ha chiaramente dichiarato che la momento non vi è alcun intervento pensionistico al vaglio del governo, ma le elezioni regionali di maggio potrebbero aprire nuovi scenari così come il debutto ufficiale della busta arancione annunciato per il prossimo mese.

Se, infatti, dovesse effettivamente arrivare questo nuovo documento di cui si parla da anni ma mai messo in atto e che prospetta a tutti i lavoratori il loro futuro pensionistico, significherebbe che anche gli altri interventi annunciati e messi a punto dal presidente dell’Inps Boeri potrebbero magari essere approvati.

E altra novità positiva in tal senso potrebbe essere l’arrivo dell’assegno universale a giugno, esattamente come annunciato qualche giorno fa dallo stesso Boeri. Sarebbero solo i primi passi di novità pensionistiche che dovrebbero poi essere completate da quei piani di uscita anticipata per tutti, volti a garantire maggiore flessibilità in uscita, come sistema contributivo per tutti, uscita con quota 100, con prestito pensionistico o staffetta generazionale e part time, che dovrebbero, secondo detto dal ministro del Lavoro Poletti, arrivare invece nella prossima Manovra Finanziaria di ottobre.

Intanto, è ripresa in Parlamento la discussione sui piani flessibili proposti da Cesare Damiano, anche se non si è ancora arrivati ad alcuna conclusione concreta, e cresce l’attesa anche per due nuove sentenze della Consulta su perequazione automatica delle pensioni superiori tre volte il minimo Inps e sulla legittimità del prelievo di solidarietà sulle pensioni più elevate, sentenze che potrebbero avere nuove influenze sugli interventi ad oggi ancora in discussione, come quello del ricalcolo contributivo di Boeri.

E’ chiaro, dunque, come la situazione sia ancora molto confusa, tra proposte che continuano ad arrivare volte a intervenire sulla legge Fornero, annunci, promesse e smentite e solo nei prossimi mesi si potrà davvero capire come il governo intenderà agire.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il