Merrill Lync e Cofide soci nel promettente mercato del credito vitalizio per anziani

Sempre più finanza in casa De Benedetti. Cofide la società finanziaria dell’editore de L’Espresso che è anche a monte della catena di controllo dell’impero di Carlo De Benedetti ha appena stretto un’alleanza importante



Sempre più finanza in casa De Benedetti. Cofide la società finanziaria dell’editore de L’Espresso che è anche a monte della catena di controllo dell’impero di Carlo De Benedetti ha appena stretto un’alleanza importante. Merrill Lynch entra nella controllata Società Finanza Attiva con una quota del 39% circa e un investimento da 8 milioni di euro. La restante quota della società controllata dalla Cofide rimarrà per il 55% a Cofide e per il 6% al management del gruppo.

Soddisfazione e sorrisi da entrambe le parti e nuovi progetti e prodotti sicuramente già programmati. Società Attiva Spa opera in un settore molto “promettente”, quello del credito vitalizio agli anziani tramite una garanzia sulla casa di proprietà. Come noto in Italia c’è un tasso di invecchiamento molto elevato e una notevole percentuale di proprietari immobiliari, perché non unire le due cose? Questa l’idea che sicuramente ora si arricchirà di nuovi prodotti per la terza età suggeriti dagli esperti di Merrill. Anche l'incertezza sul futuro della previdenza in Italia probabilmente darà nuovi spunti alla Società Finanza Attiva. Insomma se oggi un pensionato ha prospettive di retribuzione sempre meno accettabili può garantire con la casa, anche se probabilmente bisognerà che controlli bene le offerte di più società e le condizioni offertegli con l'aiuto di un esperto indipendente.

Cofide è la holding che controlla Cir e a seguire tutti i principali asset dell’ingegnere De Benedetti (sparsi fra editoria, energia, componentistica per auto, healthcare e private equity). La finanziaria è stata fondata nel 1975 e oggi ha un patrimonio da 643 milioni di euro e un fatturato nei primi nove mesi dello scorso anno a quasi tre miliardi di euro a fronte di utili per 35,5 milioni. Il debito finanziario netto di Cofide risultava pari a 29,7 milioni di euro alla stessa data del 30 settembre 2006.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il