BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: importanti conferme così come smentite autorevoli continuano senza sosta

Nuovi interventi e dichiarazioni di autorevoli voci politiche su interventi riforma pensioni Fornero e nuove possibilità: le ultime notizie e novità




La situazione sulla discussione della riforma pensioni continua ad essere piuttosto confusa tra nuovi annunci e proposte che confermano interventi sulla riforma pensioni Fornero e dichiarazioni di esponenti politici che invece non preannunciano alcuna novità positiva. Tra le ultime notizie in questo senso, innanzitutto, la ferma dichiarazione del viceministro all’Economia Morando, che ha smentito gli interventi pensionistici annunciati, soprattutto a causa della mancanza di risorse economiche necessarie per metterli in atto.

Secondo Morando, il compito del governo è quello di lavorare in base ai risultati delle analisi dei diversi istituti e in questo momento si tratta di analisi che non lasciano spazio a interventi pensionistici, così come del resto conferma la continua contrarietà dell’Ue a modifiche della legge pensionistica attuale. Di parere decisamente diverso il sottosegretario all’Economia Baretta, che invece chiede maggiore flessibilità in uscita e punta anche sul prelievo di solidarietà sulle cosiddette pensioni d’oro, tutelando le pensioni medio-basse e toccando solo quelle che hanno un valore superiore ai contributi versati.

La posizione di Baretta, sostenuta dal ministro del Lavoro Poletti che ha nuovamente ribadito come saranno possibili interventi sulle pensioni nella prossima Legge di Stabilità, contrasta quella del ministro dell’Economia Padoan che, d’accordo con l’Ue, non è favorevole a modifiche della riforma Fornero, considerandola l’unica legge capace, in questo momento di crisi economica, di garantire sostenibilità finanziaria al Paese e per questo al momento deve essere lasciata così com’è.

Intanto, il presidente dell’Inps, Tito Boeri, va avanti e ha confermato per questa settimana nuovi interventi, mentre il nuovo commissario per la spending review Gutgeld ha assicurato le pensioni non verranno toccate, “abbiamo ritenuto che per ottenere un risparmio significativo avremmo dovuto toccare anche quelle da due-tremila euro che sono buone pensioni ma non da ricchi. Perciò abbiamo deciso di non farlo”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il