BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: quota 100, prestito, mini pensioni più difficili per Renzi e minoranza Pd divisione

L'evidente spaccatura all'interno del principale partito a sostegno del governo non è affatto positiva nell'ottica della riforma pensioni Renzi.




Non sono affatto positive nell'ambito della riforma pensioni le novità e ultime notizie sugli scontri interni al Partito Democratico. Da una parte c'è la maggioranza che ruota attorno al premier Matteo Renzi, decisa a privilegiare la velocità di azione al confronto e al dibattito. Dall'altra c'è una minoranza che cerca ma non trova spazio. In ambito previdenziale è proprio quest'ultima componente la più sensibile. Ma per il momento gli appelli a modificare la legger Fornero stanno cadendo nel vuoto.

Fra i più attivi della minoranza PD a invocare la riforma delle pensioni nel segno della flessibilità c'è il presidente della Commissione lavoro della Camera. Secondo la sua proposta di cambiamento, rispedita al mittente per l'assenza di copertura economica, è possibile andare in pensione tra i 62 e i 70 anni, con almeno 35 anni di contributi, con penalizzazione nell'età compresa tra i 62 e i 65 anni, e un incentivo tra i 67 e i 70 anni. Lo schema dei bonus e delle penalizzazioni prevede nel caso di pensionamento effettivo a 62 anni l'applicazione della percentuale di riduzione pari all'8%. A 63 quella del -6%, a 64 anni del -4%, a 65 del 2%. A 66 anni, invece, non ci sarebbero bonus o malus. Quindi scatterebbero gli incentivi: a 67 anni +2%, a 68 anni +4%, a 69 anni +6%, a 70 anni.

Non si tratta dell'unica ipotesi avanzata in questi mesi. Sempre molto in voga fra i sostenitori del cambiamento della legge Fornero c'è l'applicazione di quota 100 come somma di età anagrafica e anni di contribuzione, come tetto da raggiungere per il congedo dal lavoro. Da più tempo si ragiona sul calcolo dell'assegno previdenziale per tutti i lavoratori in attività con il metodo contributivo. In questo modo, ragiona anche Tito Boeri, presidente dell'Inps, verrebbero spazzate molte iniquità nell'importo della pensione percepito. Da segnalare che il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, scommette nel prestito previdenziale per consentire agli over 55 senza lavoro di ritirarsi con un aiuto economico da restituire integralmente in piccole rate.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il