BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Agenzia Entrate, INPS siti web e 730 2015 precompilato: quando e come fare PIN scaricare, compilare, modificare dati e invio

Da mercoledì scorso è finalmente possibile nuovo 730 precompilato. Solo dal primo maggio al via possibilità di modifiche e integrazioni




E’ partita la rivoluzione digitale dell’invio telematico del modello 730 precompilato online. Ad inviarllo a circa 20 milioni di contribuenti è l’Agenzia delle Entrate. Per scaricare e visualizzare il modello 730 precompilato, infatti, si deve accedere allo stesso sito dell’Agenzia delle Entrate e per accedervi bisognerà inserire le proprie credenziali e il Pin.

Se bisopgna richiedere ancora il Pin, si può fare sul sito www.agenziaentrate.gov.it, telefonando al numero 848.800.444 o agli uffici territoriali delle Entrate, e si riceverà la prima parte del Pin, mentre la seconda sarà inviata online in 15 giorni. In alternativa, vi si può anche accedere tramite sito Inps, inserendo le proprie credenziali Inps.

Inoltre, i contribuenti che hanno una Smart Card/Cns possono seguire una procedura semplificata: il sistema dopo aver effettuato i controlli sulla Carta nazionale dei servizi inserita nel lettore, fornirà immediatamente al contribuente il codice Pin e la password per l'accesso a Fisconline. Il 730 precompilato contiene dati necessari alla definizione della dichiarazione dei redditi dei contribuenti interessati, dai redditi da lavoro e pensione, alle spese per mutui, contratti d’affitto, sui premi assicurativi e contributi previdenziali, compravendite di immobili e tutte le altre informazioni che il Fisco già possiede all’interno delle sue banche dati.

E ancora, contiene dati risultanti dalla dichiarazione dell’anno precedente, quanto abbiamo versato o quale credito non utilizzato ci riportiamo in dichiarazione quest’anno, e le detrazioni spalmabili su più anni, come quelle per le ristrutturazioni edilizie, che avevamo inserito per il 2013 o per gli anni precedenti. Tutti gli altri dati, informazioni e spese mancanti devono essere integrate. In questi giorni si può però solo scaricare e visualizzare il modello mentre per apportare qualsiasi modifica o integrazione bisognerà aspettare il primo maggio. Una volta poi effettuate tali operazioni, che il contribuente può svolgere autonomamente online o rivolgendosi anche a Caf e commercialisti, il modello dovrà essere rimandato al Fisco entro il prossimo 7 luglio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il