BusinessOnline - Il portale per i decision maker








INPS, Agenzia Entrate 730 2015 precompilato siti web: come fare, istruzioni pensionati, dipendenti, professionisti, collaboratori

E’ finalmente disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate il nuovo modello 730 precompilato: chi interessa, come scaricalo e cosa fare dopo




E’ finalmente disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate il nuovo modello 730 precompilato che interessa circa 20 milioni di contribuenti, tra lavoratori dipendenti e assimilati e pensionati. Per accedere alla propria dichiarazione dei redditi precompilata online, bisogna accedere alla sezione Fisconline dell'Agenzia delle Entrate, inserendo un codice pin.

Chi ne fosse ancora sprovvisto può richiederlo sul sito stesso dell’Agenzia, rivolgendosi presso gli uffici territoriali dell’Agenzia delle Entrate, o contattando il numero telefonico 848.800.444. si precisa, tuttavia, che gli utenti Inps che hanno già il codice di accesso al sito istituzionale dell’ente di previdenza possono usare il pin Inps senza necessariamente richiederne uno nuovo.

Si può dunque accedere al proprio 730 precompilato o tramite Agenzia delle Entrate o tramite sito Inps. La compilazione del 730 precompilato è il risultato di una combinazione di informazioni disponibili in Anagrafe tributaria, trasmesse dalle banche, dalle assicurazioni e dai sostituti d'imposta (enti previdenziali e datori di lavoro), e contiene i dati su contributi previdenziali, assistenziali e versati per collaboratori domestici, sui premi assicurativi, interessi passivi sui mutui; le informazioni in possesso dell’Anagrafe tributaria sulle spese di ristrutturazione edilizia e di risparmio energetico, i versamenti effettuati con il modello F24, le compravendite immobiliari,  e i contratti di locazione registrati e alla dichiarazione dei redditi dell'anno precedente.

Molti contribuenti dovranno però certamente procedere a modifiche e integrazioni di dati e spese mancanti, come quelle sanitarie, mediche, veterinarie, per l’istruzione dei figli che non sono state riportate in maniera automatica quest’anno. Per effettuare le dovute integrazioni o modifiche bisognerà aspettare però il prossimo primo maggio. Al momento dal sito delle Entrate è possibile solo scaricare e visualizzare il 730 precompilato. A maggio, poi, una volta effettuate le dovute integrazioni, bisognerà di nuovo inviare il modello al Fisco. Termine ultimo di invio è fissato al 7 luglio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il