BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia e anzianità Governo Renzi riforma novità per tanti che non hanno pensione per errore pur avendo requisiti.

Le norme della legge Fornero e i paradossi e i problemi nati, da esodati a quota 96 della scuola, a lavoratori con contributi silenti. Le ultime notizie




La legge pensionistica Fornero ha allungato l’età pensionabile per tutti portandola a 66 anni e  tre mesi per uomini e donne e ha esteso il calcolo contributivo per tutti. Le nuove norme hanno però creato non pochi problemi, dando vita a casi sociali e paradossi. Partendo dalla questione esodati, per arrivare a quella dei quota 96 della scuola, si tratta di categorie di persone che con le vecchie norme pensionistiche sarebbero già in pensione, a godersi il ‘meritato riposo’ dopo una vita di lavoro. Invece, sono bloccati ancora a lavoro, e per errori di formulazione della legge Fornero che il governo dovrebbe solo correggere. Eppure si temporeggia da anni ormai su queste questioni.

Il problema, sempre dichiarato, è quello della mancanza di coperture economiche necessarie per il pensionamento definitivo di queste categorie di lavoratori. Ma ad esse se ne aggiungono altre fortemente penalizzazione della nuove regole previdenziali, e stiamo parlando di lavoratori precoci e usuranti, sempre tutelati ma cui oggi non vengono paradossalmente riconosciuti benefici, e di coloro che hanno versato contributi silenti.

Si tratta di persone che, pur lavorando e versando anche regolarmente i propri contributi, non sono riusciti a maturare i contributi necessari, minimo di 20 anno, per accedere alla pensione di vecchiaia e sono migliaia di persone. Bruno Palmieri, esperto previdenziale del Patronato Inca, ha precisato, in particolare, che si tratta di donne che hanno un'attività lavorativa frammentata. E il paradosso è che se la situazione è stata in parte risolta per chi ha iniziato a lavorare dal 1996 e calcola la pensione con sistema contributivo, ma nulla è, invece, previsto per chi calcola la pensione con sistema misto fino all’avvento della legge Fornero.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il