BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui variabili e tasso fisso Aprile 2015: offerte migliori per condizioni, tassi di interessi, spese. Consigli quale scegliere

Le migliori offerte dei mutui di aprile 2015: quali scegliere e le tipologie di mutui più convenienti. Cosa fare e proposte




Alcuni esperti sostengono che sia questo il momento migliore per acquistare un immobile, soprattutto per chi è alla ricerca di una prima casa, perchè i prezzi continuano ad essere decisamente bassi e le offerte dei mutui più convenienti. Ci si chiede allora, alla luce degli ultimi andamenti del mercato, quale sia la tipologia ddi mutuo migliore da scegliere, tra quelli a tasso fisso e quelli a tasso variabile. Le migliori proposte di mutuo a tasso fisso di aprile rivelano tassi in netta discesa rispetto al mese precedente, in particolar modo sulle offerte di lunga durata: rispetto a marzo le proposte a 25 e 30 anni scendono rispettivamente di -0,6% e -0,64%. In calo anche le proposte a 20 anni (-0,34%) e 15 anni (-0,26%).

Per quanto riguarda, invece, i mutui a tasso variabile, ad aprile le offerte con durata da 10 a 30 anni hanno un tasso dell'1,52%, in calo di diversi punti percentuali rispetto al mese scorso. Le proposte con durata di 35 e 40 anni, invece, scendono rispettivamente a 1,62% (-0,17% rispetto a marzo) e 1,77% (-0,02%).  Certo, la predilezione è sempre per il mutuo a tasso variabile che comunque risulta sempre più conveniente, eppure i tassi fissi sembrano quelli che oggi vanno per la maggiore. Probabilmente troppo volatile l’andamento del mercato per rischiare, soprattutto per quelli che preferiscono dormire sonni tranquilli.

Per questo mese di aprile 2015, Deutsche Bank propone un mutuo dedicato all'acquisto e alla ristrutturazione della casa che prevede per i sottoscrittori la restituzione del valore degli interessi pagati nel primo anno (12 mesi), fino a un massimo di 5 mila euro e prevede un tasso d'interesse sui mutui a tasso variabile e misto parte dall'1,89%, mentre per il fisso da 2,25%. Mps ha lanciato Mutuo benvenuto con spread che oscillano dall’1,85% al 2,05% (a seconda che la durata sia di 10 o 30 anni), con un  Taeg medio medio al 2,44%.

Intesa Sanpaolo ha tagliato gli spread sul mutuo Domus tasso variabile in abbinamento con la polizza auto ViaggiaConMe e propone con uno spread dell'1,65%, ancorato all'Euribor a un mese, per i finanziamenti che arrivano fino al 50% del valore dell'abitazione. Chi chiede un mutuo entro il 30 aprile può avere per un anno la polizza auto ViaggiaConMe, che comprende la copertura assicurativa per la Responsabilità Civile Auto, una gamma di garanzie accessorie e servizi di assistenza personalizzabili per proteggere il conducente, la sua famiglia e il veicolo, e la ViaggiaConMe Box, un dispositivo con tecnologia satellitare che assiste il cliente in caso di emergenza attraverso una Centrale Operativa attiva 24 ore su 24.

Anche per i tassi fissi, Intesa Sanpaolo sta proponendo condizioni molto vantaggiose e ai minimi storici. Per il mese di febbraio il tasso fisso più basso praticato dalla banca è 2,50% per mutui con 6 anni di durata e loan to value 0-50; per mutui con 20 anni di durata è 3,20%. Altra proposta interessante è quella offerta da BancoPosta, che propone una nuova promozione sui mutui di acquisto prima e seconda casa, su quelli ristrutturazione ma anche su surroga e sostituzione (più ristrutturazione o liquidità). Per l’acquisto e la ristrutturazione fino al 31 luglio 2015, offre uno spread dell’1,95% a tasso variabile o misto, del 2,20% a tasso fisso e del 3,50% per il BCE; per l’opzione sostituzione+ristrutturazione e quella sostituzione+liquidità è previsto uno spread del 2,35%. Stesso spread applicato anche in caso di surroga, con un importo minimo di 50.000 euro e un LTV massimo dell’80%, che prevede gratis anche la polizza incendio.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il