BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia, donne, anzianità riforma Governo Renzi: novità calcolo requisiti come cambia in due quota 100 proposte

Le nuove proposte di modifiche alla riforma pensioni e cosa prevedono: quali i reali cambiamenti possibili e cosa cambierebbero. Le novità




Le novità per cambiare la riforma pensioni sono sempre diverse e continuano ad arrivare nuove proposte di intervento volte a rendere la legge attuale più flessibile e il sistema previdenziale più equo per tutti. E protagonisti del dibattito previdenziale non sono solo i noti sistemi di uscita anticipata di cui si è sempre discusso finora, vale a dire quota 100, prestito pensionistico, sistema contributivo per tutti, staffetta generazione e pensione anticipata a 62 anni di età con 35 anni di contributi e penalizzazioni, ma nuove proposte di uscite a quota 100 che si affiancano a quella di Damiano, come quella avanzata da Prataviera della Lega che prevede il raggiungimento minimo o di 35 anni di contributi o di 58 anni di età.

Altra proposta è stata presentata dal leader di Partito Italia Nuova Siri, poi fatta propria dalla Lega, e prevede la possibilità di andare in pensione con 35 anni di contributi e un importo fisso di 800 euro al mese per 14 mensilità, che diventerebbero mille con 40 anni di contributi indipendentemente dall’età anagrafica. Questa proposta interesserebbe particolarmente i giovani che hanno iniziato a versare successivamente al 31 dicembre 1995 e che devono calcolare la pensione finale esclusivamente con sistema contributivo, rischiando di avere, una volta in pensione, assegni molto bassi.

Siri ha spiegato che questa novità si propone di garantire più soldi in busta paga e una prestazione pensionistica uguale per tutti i lavoratori, sia autonomi che dipendenti. Novità anche dalla Gnecchi del Pd che ha avanzato una proposta che prevede, invece, la possibilità di cumulare il riscatto degli anni di laurea ai fini contributivi insieme a quelli dei periodi di maternità, per rendere più conveniente il riscatto dei periodi contributivi e incentivare i versamenti volontari.
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il