BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni tra scontri,riforma canone rai abolizione, quota 96, amnistia, legge concorrenza, indulto: novità mercoledì Governo Renzi

Probabile abolizione del Canone Rai, nessuna novità concreta per pensioni, quota 96 e soluzione del sovraffollamento carcerario: le novità ad oggi del governo Renzi e ultime notizie




Si va verso la probabile abolizione del Canone Rai con conseguente aumento della pubblicità come per le tv private, questione previdenziale e carceraria ancora in discussione ma senza novità concrete, mentre si teme un aumento delle imposte locali a causa della spending review per i Comuni: vediamo le novità ad oggi del governo Renzi

Pensioni: Le ultime notizie sulle novità che riguardano la riforma pensioni sono ancora tante e molto confuse. Mentre si seguono i piani di intervento annunciati dal presidente dell’Inps Boeri, tra reddito minimo per gli over 55, ricalcolo contributivo e maggiore flessibilità a fronte di pensioni ridotte, continua lo scontro tra le forze politiche sui piani da adottare per modificare le pensioni attuali. Ed è probabile, come si dice ormai da tempo, che si parta da interventi negativi, tagli su baby pensioni, pensioni di invalidità e reversibilità e di guerra, necessari per recuperare nuove risorse economiche per ulteriori interventi pensionistici. Ed ‘probabile anche che a tal fine si ricorra al ricalcolo contributivo di Boeri anche se si attende a breve una nuova sentenza della Corte Costituzionale sulla legittimità del prelievo di solidarietà che potrebbe avere diverse conseguenze sull’applicazione del ricalcolo contributivo. Intanto, sembra certo l’assegno universale che dovrebbe arrivare con una nuova proposta a giugno.

Riforma concorrenza: Il nuovo Ddl Concorrenza prevede cambiamenti per notai, avvocati, assicurazioni, poste, farmacie. Queste ultime avranno meno limiti, come quello delle quattro licenze per lo stesso soggetto e la possibilità dell'ingresso dei soci di capitale nella titolarità dell'esercizio, oggi riservato solo ai farmacisti. Confermato l’allargamento di utenza per i notai a livello regionale modificando il rapporto tra posto notarile e abitanti, ma si riducono gli atti per cui serve l’autentica notarile. Non saranno più di esclusiva competenza dei notai, per esempio,  gli atti che interessano le piccole compravendite, come box e cantine e le srl semplificate, che potranno essere svolti anche dagli avvocati a patto che abbiano una polizza assicurativa pari almeno al valore del bene dichiarato nell'atto. Gli avvocati devono richiedere la registrazione dell'atto e presentare le note di trascrizione e di iscrizione e le domande di annotazione e di voltura catastale oltre a liquidare i pagamenti delle imposte relative. Secondo quanto previsto dal ddl poi, Poste Italiane perderà l'esclusiva dei servizi di notifica degli atti giudiziari e delle multe che potranno essere effettuati anche dalle poste private. Per quanto riguarda le novità per le Rc Auto, le assicurazioni avranno l’obbligo di scontare l’Rc auto per coloro che installeranno una scatola nera sulla vettura, strumento in grado di registrare le modalità dei sinistri e il comportamento del conducente alla guida nel momento dell’urto, e per coloro che usufruiranno di riparazioni presso officine convenzionate con le compagnie assicurative.

Indulto e amnistia: Continuano ad arrivare da più parti richieste di adozione delle misure di amnistia e indulto per risolvere il problema dell’emergenza carceraria in Italia ma sembra ferma la discussione dei quattro ddl sulle misure di clemenza. Intanto, qualche giorno fa, il presidente del Senato, Pietro Grasso, ha spiegato che è “Nostro dovere proteggere in ogni situazione i diritti umani anche qui, nel nostro Paese. Penso alla definitiva chiusura in Italia dei vergognosi ospedali psichiatrici giudiziari, strutture fatiscenti caratterizzate da un inaudito degrado in cui i malati/reclusi erano spesso privi dei necessari interventi terapeutici e vivevano in condizioni umane e igieniche indegne. Penso al sovraffollamento carcerario, stigmatizzato dalla Corte europea dei Diritti dell’Uomo. Penso all’emergenza abitativa per gli indigenti. Penso ad ogni più piccola discriminazione, razzismo, intolleranza, di cui quotidianamente veniamo a conoscenza”.

Abolizione Canone Rai: Se fino a qualche tempo fa si paventava la possibilità che dal prossimo 2016 il Canone Rai, e relativo pagamento, potesse essere inserito nella bolletta elettrica, adesso un’altra novità. E’ possibile infatti che si vada proprio verso l’abolizione del pagamento del Canone Rai. Il Canone potrebbe essere abolito, grazie a un disegno di legge che si propone di cambiare completamente la Rai, finanziando il servizio pubblico attraverso un aumento della pubblicità, e quindi prevedendo lo stesso meccanismo già in vigore per le tv private. Il testo del ddl riporta due possibilità: abolire totalmente e gradualmente il Canone Rai grazie aumentando la pubblicità; o mantenere il pagamento del Canone Rai ma riducendone l’importo e inserendolo, come si era già detto, nella bolletta dell’energia elettrica.

Quota 96: Tutto ancora in stallo per la soluzione tanto attesa per i quota 96 della scuola. Nessuna svolta, dunque, per docenti e personale Ata che attendono da ormai tre anni l’agognato pensionamento. La speranza era l'impiego del nuovo 'tesoretto' individuato dal governo di 1,6 miliardi di euro del Def, ma è ormai evidente che l'esecutivo ha intenzione di destinare tale importo ad altri interventi per il welfare.

Tasse comunali: Mentre ci si avvia ad una imposta unica che comprenda Imu e Tasi, la cosiddetta Local Tax, da uno studio della Cgia di Mestre, elaborato su dati del Ministero degli Interni, sono consistenti i tagli che i Comuni italiani subiranno quest’anno a causa della spending rewiew. I tagli della spesa pubblica stabiliti dal governo provocheranno una riduzione della spesa che i comuni potranno destinare ai cittadini, con il probabile effetto che le amministrazioni Comunali, per fare cassa e riuscire a garantire gli stessi servizi erogati negli anni precedenti, aumenteranno le imposte comunali. La Cgia di Mestre ha rilevato che le risorse a disposizione dei Comuni Italiani quest’anno saranno tagliate di 1,5 miliardi di euro e i Comuni che subiranno i tagli maggiori saranno quello di Napoli, Roma e Milano e, secondo il segretario generale della Cgia, Giuseppe Bortolussi, l’effetto complessivo della spending rewiew sui cittadini sarà un inevitabile aumento dei tributi locali.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il