BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Agenzia Entrate, INPS 730 2015 precompilato: istruzioni e come fare online tutti i passaggi scaricare, compilazione, modifiche

E’ disponibile da qualche giorno sul sito dell’Agenzia delle Entrate il modello 730 precompilato che deve essere scaricato e visualizzato direttamente online: come e cosa fare. I passaggi




E’ disponibile da qualche giorno sul sito dell’Agenzia delle Entrate il modello 730 precompilato che deve essere scaricato e visualizzato direttamente online attraverso il sito dell’Entrate stesso, accedendo alla  sezione Fisconline inserendo password e pin. In alternativa basta essere si può accedere anche al sito Inps inserendo, in tal caso, le credenziali dell’Istituto di Previdenza. Chi ancora non ha il pin per accedere a Fisconline può richiederlo o direttamente sul sito stesso dell’Agenzia, o rivolgendosi presso gli uffici territoriali dell’Agenzia delle Entrate, o contattando il numero telefonico 848.800.444.

L’Agenzia delle Entrate ha definito ogni 730 precompilato grazie all’incrocio delle informazioni disponibili in Anagrafe tributaria, quelle trasmesse dalle banche, dalle assicurazioni e dai sostituti d'imposta (enti previdenziali e datori di lavoro), riporta i dati su premi assicurativi, interessi passivi sui mutui, contributi previdenziali e assistenziali e i contributi versati per i lavoratori domestici, le informazioni presenti in Anagrafe tributaria relative alle spese di ristrutturazione edilizia e di risparmio energetico, i versamenti effettuati con il modello F24, le compravendite immobiliari,  e i contratti di locazione registrati e alla dichiarazione dei redditi dell'anno precedente.

Una volta scaricato e visualizzato il modello, bisognerà controllare che dati e informazioni inserite siano corrette e soprattutto complete. In caso contrario bisognerà procedere a modifiche o integrazioni che, attenzione, possono essere effettuate solo a partire dal prossimo primo maggio. Mancano, per esempio, le spese sanitarie e mediche, le spese veterinarie, quelle per l’istruzione dei figli, da inserire nel Quadro E perché danno diritto a detrazioni.

Effettuate le dovute modifiche e integrazioni, il modello 730 dovrà essere inviato al Fisco (sempre dal primo maggio ed entro il 7 luglio). Per chi volesse ricevere aiuto e assistenza, si può consultare il sito https://info730.agenziaentrate.gov.it/portale/ o il canale specifico di Youtube attivato dalle Entrate. Resta comunque la possibilità di rivolgersi a Caf e commercialisti per richiedere il modello 730 nel tradizionale formato cartaceo.

Sia nel caso si presenti all’Agenzia delle Entrate il nuovo 730 precompilato sia che ci si rivolga a Caf, commercialisti o altri professionisti abilitati, meglio conservare sempre documenti importanti nel caso di controlli o per ottenere rimborsi e detrazioni. La documentazione necessaria comprende certificazioni che documentano le ritenute, quali la nuova Certificazione Unica inviata dai sostituti di imposta e dai Consulenti del Lavoro a tutti i lavoratori; scontrini, ricevute, fatture e quietanze che attestino ogni tipo di spesa sostenuta.

Se sono state sostenute spese per le ristrutturazioni edilizie, bisogna presentare i documenti previsti per fruire della detrazione spettante, ad esempio le ricevute dei bonifici bancari o postali, dalle fatture e ricevute fiscali comprovanti le spese sostenute, dalle quietanze di pagamento degli oneri di urbanizzazione, dagli attestati di versamento delle ritenute operate dal condominio sui compensi dei professionisti, la quietanza rilasciata dal condominio che attesta il pagamento delle spese imputate al singolo condomino. Il nuovo modello 730 precompilato deve essere inviato al Fisco entro il 7 luglio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il