BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni accordo su un punto, riforma fisco, quota 96,amnistia,Isee,riforma indennità disoccupazione: novità venerdì Governo Renzi

Ancora aperte questioni previdenziale e carceraria, mentre i quota 96 della scuola sono ancora in attesa di soluzioni dal governo. Novità invece per il via al nuovo sussidio Dis Coll. Le novità ad oggi del governo Renzi




Decisamente ancora acceso il dibattito politico sulla riforma pensioni, aperta ancora anche la questione carceraria, mentre i quota 96 della scuola attendono ancora risposte concrete dal governo. La novità Inps per la richiesta del nuovo Dis Coll. Vediamo le novità di oggi giovedì 23 Aprile 2015

Pensioni: Il presidente dell'Inps Boeri continua a spingere su maggiore flessibilità in uscita in cambio di pensioni più leggere, ricalcolo contributivo e reddito minimo per gli over 55. Forze politiche si oppongono a tale piano, criticando soprattutto il ricalcolo contributivo che da tanti viene osteggiato perchè non rappresenterebbe una misura capace di garantire equità e assicurare risparmi che, invece, potrebbero derivare da tagli o aumenti delle imposte sui redditi alti in maniera progressiva. Tutti d'accordo, invece, sull'assegno universale che il ministro del Lavoro Poletti ha confermato in una proposta organica per il prossimo giugno. Ma l’attenzione continua ad essere puntata sulle possibilità di approvazione dei piani di uscita anticipata. E in tal senso, Cesare Damiano continua a spingere sull’uscita a quota 100, che prevederebbe un impiego di risorse iniziali che verrebbero restituite, senza dunque intaccare i conti pubblici a cui è tanto attenta l’Ue, ma lasciando ai lavoratori la possibilità di scegliere effettivamente a quanti anni andare in pensione, purchè la somma tra età anagrafica e contributiva dia come risultato, appunto, 100.

Riforma fisco: Via libera dal Consiglio dei Ministri di ieri ai tre decreti attuativi della delega fiscale su fatturazione elettronica e scontrino digitale, internazionalizzazione delle imprese e certezza del diritto per i rapporti tra contribuenti e fisco. Nuovi decreti arriveranno a giugno. Via libera dunque a fatturazione elettronica per tutti e passaggio allo scontrino digitale dal prossimo 2017. Si è detto molto soddisfatto il ministro dell'Economia Padoan che ha parlato di “un complesso di norme che va visto nel suo insieme e serve a costruire un sistema fiscale più trasparente che semplifichi la vita sia al contribuente, ma migliori efficienza della macchina pubblica”.

Isee: Sono diversi i cittadini che stanno incontrando parecchi difficoltà nella compilazione del nuovo modello Isee 2015 tanto che in molti ci hanno addirittura rinunciato. I problemi, non pochi nemmeno per i Caf, derivano dalla moltitudine di informazioni in più che devono essere inserite nel nuovo modello rispetto agli anni scorsi. Proprio per evitare che continuino a persistere problemi e che i Caf siano affaticati dalla mole di lavoro richiesta, in alcune regioni e città è stato già prorogato il termine di presentazione Isee, a fine giugno o dopo l’estate. Ma Caf e associazioni del settore chiedono al governo una proroga a livello nazionale che uniformi un termine di scadenza nuovo per tutti rinviandolo, però, almeno di qualche mese.

Indennità disoccupazione: Attesa entro la fine di questa settima la Circolare ufficiale che darà il via al Dis-Coll, nuovo ammortizzatore sociali di quest'anno, che sarà retroattivo da gennaio in modo da non trascurare chi ha perso il lavoro nei primi mesi del 2015. Il Dis-Coll è il nuovo sussidio di disoccupazione per i disoccupati iscritti alla gestione separata dell’Inps e CoCoPro, collaboratori coordinati e continuativi e a progetto, che prevede l’erogazione di un assegno pari al 75% del reddito medio mensile nei casi in cui il reddito mensile sia pari o inferiore a 1.195 euro mensili nel 2015 e non può essere superiore ai 1.300 euro nel 2015, e ha una durata massima di 6 mesi. Il Dis-Coll sarà erogato mensilmente e solo a chi ha maturato almeno 3 mesi di contribuzione nell'anno precedente o un mese di contribuzione nell'anno in corso.

Quota 96: Cresce il malcontento tra gli interessati alla quota 96 della scuola che, dopo tre anni dall’aver maturato i requisiti pensionistici necessari per lasciare il lavoro, sono ancora costretti a lavorare, a causa di un errore contenuto nella formulazione della legge Fornero. Tante volte le aspettative di questi 4mila lavoratori sono state deluse da un governo che, con il nulla di fatto sulla questione anche nella riforma della Scuola, per l’ennesima volta si sono sentiti esclusi da interventi risolutivi dell’esecutivo.

Indulto e amnistia: La strada per risolvere l'emergenza carceraria in Italia, oltre che per l'approvazione delle misure di indulto e amnistia, potrebbe passare anche attraverso una riforma dei processi. Per il procuratore aggiunto veneziano Carlo Nordio, infatti “Rendere i processi più rapidi, è l'unica strada per risolvere il sovraffollamento delle carceri”. Intanto, i Radicali continuano a battersi perchè vengano approvate le misure di amnistia e indulto, cui, al contrario, continua ad apporsi Matteo Salvini, contrario anche al decreto svuotacarceri a alla depenalizzazione dei reati di lieve entità.

ISEE 2016: calcolo e compilazione passo passo. Il modello ISEE è un ottimo strumento per ottenere benefici ed esonerei nei pagamenti per alcuni servizi pubblici come la mensa scolastica, il ticket, autotrasporti, università... ecco come compilarlo e quali documenti presentare per le detrazioni

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il