BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne e uomini Governo Renzi: riforma, novità prepensionamento statali al via seppur quota 100, mini pensioni bloccate

Sempre più acceso il dibattito politico su novità riforma pensioni ma prima notizia positiva per i dipendenti pubblici: la novità e cosa prevede




Mentre è sempre più acceso il dibattito politico sugli interventi sulla riforma pensione da mettere in atto e per cui servono ancora, evidentemente, compromessi tra forze politiche e stesse e con l’Inps, come confermano le ultime notizie degli scontri tra governo e presidente Boeri, sembra invece tutta in salita la strada per i prepensionamenti dei lavoratori statali. Via libera, per loro, alla possibilità di andare in pensione senza penalizzazioni anche prima dei 62 anni di età purchè abbiano raggiunto i requisiti contributivi necessari.

Questa novità è stata resa nota dal Dipartimento della funzione pubblica, che permetterà così alle P.A. di ‘risolvere facoltativamente il rapporto di lavoro per esigenze organizzative quando il lavoratore abbia raggiunto un diritto a pensione anticipata, senza che la risoluzione preveda penalizzazioni sull'assegno pensionistico finale’. Questa norma deriva dalla Legge di Stabilità che cancella le penalizzazioni fino al 2017 per chi va in pensione prima. Anche i prepensionamenti per i dipendenti della P.A. senza penalizzazioni varranno fino al 2017.

E fino ad allora potranno andare in pensione anticipata anche prima dei 62 anni senza alcuna decurtazione sull’assegno pensionistico se nel 2015 hanno maturato 42 anni e 6 mesi di contributi, per gli uomini, e 41 anni e 6 mesi, per le donne, e nei prossimi tre anni, dal 2016 al 2018, i 42 anni e 10 mesi per gli uomini e i 41 anni e 10 mesi per le donne.

Molti hanno accolto favorevolmente questa novità auspicando che interventi in tal senso possano essere estesi anche ai privati. Ma la strada in questo caso è piuttosto tortuosa: troppi gli ostacoli da superare, dalla mancanza di soli, alla contrarietà del Mef, a quella dell’Ue, e troppo tempo ancora sembra servire per mettere tutti d’accordo sui meccanismi flessibili da approvare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il