BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia e anzianità Governo Renzi: riforma, novità al via secondo molti seppure in realtà situazione è negativa

Sono diverse le opzioni allo studio per riformare le pensioni, a partire dall'introduzione del reddito minimo per le persone over 55.




Il governo sta lavorando sulla riforma pensioni. Più precisamente, come riferiscono novità e ultime notizie, sul tavolo delle discussioni c'è l'ipotesi di reddito minimo per le persone over 55 in condizione di povertà. A quanto pare, l'esecutivo intende iniziare da coloro che hanno perso il lavoro. Il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, ha spiegato che la soluzione di un sussidio per chi, a pochi anni dalla maturazione dei requisiti per il ritiro, si trova in condizione di disagio avanzata dal presidente dell'Inps, Tito Boeri, "va considerata", ma che il problema socialmente più rilevante resta quello di coloro che hanno perso la propria occupazione.

Sull'ipotesi del reddito minimo, la Confindustria si è detta favorevole ma ha chiesto che il progetto si realizzi guardando il sistema sociale "nel suo complesso", con "regole certe" e "controlli incisivi". Tra Poletti e Boeri, insomma, si registra una certa distanza. Nei giorni scorsi il presidente dell'Inps aveva ipotizzato che per il progetto di sussidio alle persone over 55 in situazione di povertà si potessero stanziare circa 1,5 miliardi da ricercarsi all'interno della spesa per la protezione sociale. Boeri ha annunciato una proposta sul tema per giugno e se al momento i requisiti di accesso al sussidio non sono chiari, è probabile che debbano esserci requisiti ulteriori oltre l'età (55 anni) e il reddito al di sotto di una certa soglia.

Restano invece sullo sfondo l'opzione di estendere ai pensionati il bonus di 80 euro ora concesso a lavoratori dipendenti e assimilati, così come altre soluzioni prospettate nelle ultime settimane, come l'applicazione della cosiddetta quota 100 per il pensionamento e l'allargamento a tutti i lavoratori del sistema di calcolo dell'assegno con il metodo contributivo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il