BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Android 5, 5.1, 5.0.2, 5.0.1, 5.1.1 aggiornamento uscita, quale versione e per che modelli seppur con Project Fi si va ben oltre

Google assicura la copertura Internet no stop per i Nexus 6, ma il servizio è destinato a estendersi anche ad altri device della gamma.




Per ora la possibilità di connettersi al web in qualunque momento e da qualsiasi postazione viene riservata ai soli possessori negli Stati Uniti del Nexus 6, ma presto sarà estesa anche agli altri terminali della gamma Nexus di Google, come Nexus 5 e Nexus 4. Con il Project Fi, la multinazionale di Mountain View compie un nuovo passo in avanti sul terreno degli operatori mobile. In buona sostanza, grazie all'intesa con Sprint e T-Mobile, riesce a sfruttare una tecnologia che consente il passaggio automatico tra Wi-Fi e reti mobile in modo da avere sempre il miglior segnale, pagando solo il traffico dati effettivamente consumato. Stando a quanto dichiarato, sono già dislocati sul territorio milioni di hotspot Wi-Fi sicuri e certificati.

Di più: collegando il numero di telefono ai terminali che supportano Google Hangout, fra cui tablet e computer, non è più indispensabile utilizzare il proprio smartphone per chiamare poiché il nuovo punto di riferimento sarà il cloud di Google. Stando a quanto comunicato da BiG sul blog ufficiale, l'impegno di spesa minimo per questo pacchetto di proposte è di 20 dollari al mese che assicura la copertura internazionale in 120 Paesi e 10 GB di traffico cumulabili (quelli non consumati non andranno persi) e comprende chiamate illimitate verso tutti negli Stati Uniti, messaggi internazionali illimitati, chiamate internazionali a basso costo, tethering Wi-Fi. Per avere anche la connessione in 3G/4G occorrono 10 dollari per ogni GB aggiuntivo.

Per ora l'accesso al servizio è su invito ovvero occorre inviare una mail alla società di Mountain View e attendere la risposta di eventuale partecipazione a questa fase di prova. Sintetizza Google: "Project Fi consente di lavorare da vicino con le maggiori compagnie telefoniche, con i produttori di hardware e con tutti voi per spingere avanti i limiti di quello che è possibile".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il