BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni, riforma concorrenza, divorzio breve legge ufficiale, indulto, amnstia, quota 96: novità ad oggi sabato Governo Renzi

E’ legge il divorzio breve in sei mesi, mentre nessuna novità ancora arriva per i quota 96 della scuola e le pensioni. Al via iter ddl Concorrenza: le novità ad oggi 23 aprile




E’ legge il divorzio breve in sei mesi, mentre nessuna novità ancora arriva per risolvere il caso dei quota 96 della scuola ancora bloccati a lavoro. Ma nulla di concreto arriva nemmeno per quanto riguarda la questione pensioni, di cui si discute da mesi ma per cui si aspettano di vedere ancora misure attuate. Vediamo le novità ad oggi del governo Renzi

Pensioni: Flessibilità in uscita e assegno universale per gli over 55, sostegno alle uscite con quota 100, staffetta generazionale e part time, mini pensione o prestito pensionistico, ma anche ricalcolo contributivo, busta arancione, pagamento delle pensioni ogni primo giorno del mese. Potremmo dire che la carne al fuoco sembra essere davvero parecchia ed effettivamente la discussione sulla questione pensioni è decisamente aperta e complessa. I protagonisti, forze sociali e politiche, associazioni, lavoratori stessi, continuano a presentare proposte e annunci, tutti volti a modificare l’attuale sistema pensionistico per renderlo più flessibile e più sostenibile. Ma Ue e Mef continuano a dire no a causa della mancanza di risorse economiche mentre appoggiano l’assegno universale che dovrebbe arrivare già a giugno e che certamente richiede l’impiego di maggiori risorse rispetto ai meccanismi flessibili che comunque prevedono penalizzazioni a carico del lavoratore.

Ddl Concorrenza: Al via l'iter si esame del Ddl Concorrenza a Montecitorio. Per la sanità un unico articolo, il numero 32, che prevede l’abolizione del limite di 4 licenze attualmente previsto in capo ad un identico soggetto del settore delle farmacie. Previsto poi l’ingresso di soci di capitale nella titolarità dell’esercizio della farmacia detenuta da un privato, mentre è stato eliminato l’obbligo che prevede che a dirigere la farmacia sia un farmacista socio. Novità del nuovo Ddl Concorrenza anche per notai, avvocati, assicurazioni, poste. Per i notai, non saranno più di loro esclusiva competenza gli atti che interessano le piccole compravendite, come box e cantine e le srl semplificate, che potranno essere svolti anche dagli avvocati a patto che abbiano una polizza assicurativa pari almeno al valore del bene dichiarato nell'atto. Gli avvocati devono richiedere la registrazione dell'atto e presentare le note di trascrizione e di iscrizione e le domande di annotazione e di voltura catastale oltre a liquidare i pagamenti delle imposte relative. Secondo quanto previsto dal ddl poi, Poste Italiane perderà l'esclusiva dei servizi di notifica degli atti giudiziari e delle multe che potranno essere effettuati anche dalle poste private. Novità anche per le Rc Auto, per cui le assicurazioni avranno l’obbligo di scontare l’Rc auto per coloro che installeranno una scatola nera sulla vettura, strumento in grado di registrare le modalità dei sinistri e il comportamento del conducente alla guida nel momento dell’urto, e per coloro che usufruiranno di riparazioni presso officine convenzionate con le compagnie assicurative.
 
Divorzio breve legge ufficiale: Il divorzio breve è legge: è stata approvata ieri e permetterà di lasciarsi in sei mesi. La novità porta, infatti, da 3 anni a 6 mesi il tempo per lasciarsi se la separazione è consensuale, e al massimo un anno se si decide di ricorrere al giudice, indipendentemente dalla presenza o meno di figli. I termini decorrono dalla comparizione dei coniugi davanti al presidente del tribunale nella procedura di separazione personale. Nel caso di divorzi con comunione di beni tra i coniugi, nel momento in cui il giudice ufficializza la separazione, si scioglie anche la comunione dei beni. Il nuovo divorzio breve sarà applicato, a partire dalla sua entrata in vigore, anche ai provvedimenti in corso. La presidente della commissione Giustizia Ferranti ha spiegato che “La legge sul divorzio breve è un indubbio passo avanti di civiltà giuridica e sociale, in linea con i tempi e con gli ordinamenti degli altri paesi, un testo equilibrato e realistico, che renderà più snello il percorso giudiziale riducendo il contenzioso. Abbreviare i tempi facilita la soluzione dei conflitti tra coniugi, anche a vantaggio della serenità dei figli”. E sui figli precisa “Il nostro ordinamento li tutela già ampiamente a prescindere dal contesto familiare. E comunque dopo il dolore di una separazione solo ripristinando quanto prima una situazione di normalità, e non certo allungando i tempi di sofferenza e disagio, si assicura davvero il bene dei figli”.

Quota 96: Finora ancora nulla e non sembra vi siano prospettive positive nemmeno all’orizzonte per i quota 96 della scuola, ancora in attesa di andare in pensione, bloccati a lavoro, nonostante abbiano maturato ormai tre anni fa i requisiti pensionistici, da un errore della legge pensionistica Fornero. Cresce, chiaramente, il malcontento, molti si preparano a presentare nuovi ricorsi ai tribunali di competenza, ma dal governo non sembra arriverà a breve una risposta ufficiale.

Indulto e amnistia: Continua l'esame dei quattro ddl sulle misure di indulto e amnistia in Commissione Giustizia anche se tutto sembra ancora in stallo visto che in tanti mesi non si è ancora riusciti a definire un testo unificato capace di mettere tutti d'accordo. E' scontro infatti, da sempre, tra forze politiche e sociali e associazioni che chiedono la necessaria approvazione delle misure di clemenza e forze politiche, come Lega e ministro della Giustizia Orlando compreso, che invece dicono no a indulto e amnistia. Eppure sarebbero le strade più rapide per risolvere un'emergenza carceraria che non sembra attenuarsi nel nostro Paese.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il