BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne e uomini Governo Renzi: riforma, novità in arrivo su fondi disponibili e orientamento interventi

Le ultime notizie che arriveranno domani sul fronte degli esodati saranno utili per capire le possibilità economiche per la riforma pensioni.




Quella di domani venerdì 24 aprile sarà una giornata da seguire con attenzione nell'ambito della riforma pensioni Renzi. Sono infatti attese novità sul fronte degli esodati ovvero del numero esatto dei salvaguardati. A riferirlo sarà il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti. Diventerà di conseguenza più chiaro l'impegno economico dello Stato in vista di una revisione del sistema previdenziale nel segno della flessibilità. Sotto quest'ultimo punto di vista, l'ipotesi che sta trovando maggiori consensi è l'introduzione di forme di sostegno al reddito per gli over 55 senza lavoro e a pochi anni dalla pensione.

Altro capitolo aperto è quello relativo agli statali nell'ambito della riforma della pubblica amministrazione. I sindacati del pubblico impiego si sono detti pronti a rioccupare i palazzi delle Province e anche quelli delle Regioni per dire no ai tagli". Il segretario generale Fp-Cgil, Rossana Dettori, ha spiegato come i lavoratori siano pronti "a invadere i luoghi di lavoro delle Province e delle Regioni in adempienti visto che l'unica certezza che abbiamo nel caos totale è che ci saranno 20.000 esuberi, con il rischio che sempre più lavoratori rimangano senza stipendio, come già è accaduto per Biella e Vibo Valentia".

Sulla stessa linea il leader della Cisl-Fp, Giovanni Faverin: "Siamo pronti a bloccare i trasferimenti coatti mentre chiediamo un rinvio dei tempi per mettere a punto dei piani più accettabili di ricollocazione". Duro anche il giudizio del segretario confederale della Uil, Antonio Foccillo, secondo cui "la riforma Delrio va subito annullata senza esitazione". La questione ve inquadrata anche nell'ambito della spending review ovvero del taglio alla spesa pubblica, di cui si attendono novità dal nuovo commissario Yoram Gutgeld. Non sono da escludere interventi sulle pensioni, anche se verosimilmente meno pronunciati di quelli proposti dal suo predecessore Carlo Cottarelli.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il