BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia, donne, anzianità riforma Governo Renzi: novità quota 100, mini pensioni tra entusiasmo e realtà complessa

Le ultime notizie sulla riforma pensioni riferiscono di una situazione impantanata tra equilibri economici ed esigenze sociali.




La riforma pensioni Renzi non si sblocca. Seppur le novità siano all'ordine del giorno tra promesse e proposte di cambiamento e continue dichiarazioni sulla necessità di rendere più flessibile la legge Fornero favorendo l'uscita anticipata, la situazione è ancora ferma al palo. Alla base dell'inerzia, stando alle motivazioni ufficiali, necessarie alla luce dei tanti rapporti allarmanti sulla situazione previdenziale, c'è la crisi economica che di fatto tiene il governo con le mani legate. Poi ci sono le pressioni dell'Unione Europea a mantenere lo status quo ovvero a non cambiare i delicati equilibri dei conti pubblici. Una posizione che vede in Pier Carlo Padoan, ministro dell'Economia, il cavallo di Troia di Bruxelles.

E così sono per ora messe da parte le ipotesi di applicazione di quota 100 o di introduzione delle mini pensioni. Si resta in attesa del pacchetto di proposte che Tito Boeri, presidente dell'Inps, ha promesso di presentare al premier Matteo Renzi. Piuttosto, dopo il varo dei primi decreti del Jobs Act, in particolare quello che ha introdotto il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti, il governo inizia a sorridere.

Decide infatti di diffondere mensilmente i dati sui rapporti di lavoro avviati e cessati ogni mese per verificare gli effetti sul mercato del lavoro di due fattori: il nuovo contratto, più appetibile per le imprese, visto che rende più semplici i licenziamenti (non c'è più l’articolo 18); i forti sgravi (fino a 8.060 euro all'anno per tre anni) per le aziende che assumono a tempo indeterminato entro il 31 dicembre del 2015.

Ebbene, i dati sui rapporti di lavoro attivati e cessati a marzo segnalano un forte aumento delle assunzioni a tempo indeterminato, 54.000 contratti in più, rispetto allo stesso mese del 2014 e una flessione dei contratti a tempo determinato, di collaborazione e di apprendistato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il