BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Android 5, 5.0.2, 5.1, 5.0.1, 5.1.1: Samsung Galaxy S5, S4, S6, S4 Mini, Nexus 5,4, HTC One, Lg novità aggiornamento settimana

Mentre prosegue il rollout dell'aggiornamento di sistema operativo Android Lollipoop, Google prepara il terreno per il successivo Android 6.0.




Siamo nel bel mezzo della distribuzione dell'aggiornamento di sistema operativo Android 5.0 Lollipoop e dei successivi update Android 5.0.1, 5.0.2, 5.1, 5.1.1. tempi e modi di rilascio delle varie versioni del software seguono logiche a tratti incomprensibili. In casa, i nuovi Android 5.1 e Android 5.1.1 Lollipop sono attesi anche per Galaxy S5, Galaxy S4, Galaxy Note 4 e Galaxy Note 3. E se sono da mettere in conto aggiornamenti anche per Galaxy S5 Mini, la sorte del Galaxy S5 Mini è letteralmente un mistero. Fanno parte della partita i tanti terminali della gamma Nexus, HTC One M8, LG G3, e i vari terminali della gamma Xperia di Sony,

La società di Mountain View sta portando avanti il lavoro di sviluppo della nuova versione del sistema operativo Android 6.0. Se dovesse decidere di replicare al stessa strategia utilizzata lo scorso anno, allora sarà presentata alla prossima edizione del Google I/O 2015, il consueto appuntamento con i suoi sviluppatori, questa volta in programma il 28 e il 29 maggio. Appare prematuro dare credito alle indiscrezioni sulle novità che saranno introdotte. Fra le richiese degli utenti, però, molte riguardano le notifiche, come la possibilità di rispondere in maniera rapida, così come è ora possibile con l'iOS 8 di Apple. Allo stesso tempo potrebbe trovare spazio il multitasking ovvero la possibilità di aprire due applicazioni sul display del dispositivo.

E alla luce del calo delle vendite del Nexus 6 rispetto al precedente Nexus 5, così come certificato dai risultati finanziari di Google nel primo trimestre di quest'anno, è inevitabile che si inizi a parlare con maggiore insistenza del prossimo top di gamma, il Nexus 2015. A quanto pare l'intenzione di BigG è quella di compiere un passo indietro ovvero di proporre uno smartphone più economico, anche a costo di rinunciare a qualche tecnicismo di primo piano. Il partner individuato per il rilancio sarebbe LG, già produttore del Nexus 4 e del Nexus 5, prima della decisione di Google di affidarsi a Motorola per il Nexus 6.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il