BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2015 precompilato e spesometro 2015: novità settimana, per chi e cosa. Scadenza 30 Aprile-1 Maggio per entrambi, no proroga

Giovedì prossimo ultime scadenza di presentazione dello spesometro 2015 e da venerdì primo maggio al via possibilità di modifiche e integrazioni 730 precompilato




Nessuna proroga prevista per la presentazione dello spesometro 2015 che dopo le prime due scadenze si avvia alla terza, in programma per giovedì 30 aprile e che interessa gli operatori finanziari che devono comunicare gli acquisti superiori a 3.600 euro pagati con bancomat o carte di credito. Non sono soggetti all’obbligo di invio dello speometro le P.A., i commercianti al dettaglio e i tour operator per le fatture sotto i 3mila euro al netto dell'Iva.

Nei casi di ritardo si presentazione dello spesometro 2015 è prevista una sanzione amministrativa, che va da un minimo di euro 258,23 a euro 2065,83. Per regolarizzarsi si può però ricorrere al classico ravvedimento: dal ravvedimento breve, che scatta dal 14esimo giorno fino a 30 giorni successivi alla scadenza e che prevede una sanzione ridotta a 1/10 del minimo; e il ravvedimento lungo, entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno nel corso del quale è commessa la violazione, che prevede invece una sanzione ridotta a 1/8 del minimo.

Vi sono tuttavia altre forme di ravvedimento,da quello entro 90 giorni dal termine di presentazione della dichiarazione o dall'omissione/errore, con una sanzione ridotta a 1/9 del minimo; al ravvedimento biennale, entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello nel corso del quale è commessa la violazione, o entro due anni dall'omissione/errore, con una sanzione ridotta a 1/7 del minimo; al ravvedimento ultrabiennale, oltre il termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello nel corso del quale è commessa la violazione, o oltre due anni dall'omissione/errore, e che prevede una sanzione ridotta a 1/6 del minimo.

Previsto anche il ravvedimento a seguito della consegna del Processo verbale di constatazione (PVC), con una sanzione pari a 1/5 del minimo. La sanzione deve essere versata insieme alla presentazione della dichiarazione  utilizzando il modello F24 e il codice tributo 8911. E se il 30 aprile scade l’ultimo termine di presentazione dello spesometro, da venerdì primo maggio sarà possibile iniziare ad apportare modifiche e integrazioni al modello 730 precompilato che l’Agenzia delle Entrate ha inviato a pensionati e lavoratori dipendenti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il