BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: per alcuni è un importante impegno scritto, per altri non conta nulla

Nuovo impegno in materia di riforma pensioni nel nuovo Def: la maggioranza vuole che il governo metta nero su bianco. Cosa prevede




Dopo i primi provvedimenti concreti sulle possibilità di prepensionamento per i dipendenti pubblici della P.A., alcuni dicono che sia arrivato il primo impegno concreto per modificare la riforma pensioni attuale anche per il privati. La Camera ha, infatti, approvato la risoluzione di maggioranza sul nuovo Def 2015 che prevede la totale attuazione alla legge delega sul lavoro prorogando anche oltre il 2015 i nuovi ammortizzatori sociali Dis-Coll e Asdi; finanziare a regime degli interventi a sostegno della conciliazione fra impegni di cura, di vita e di lavoro; definire la riforma delle politiche attive sul lavoro; e un piano di contrasto alla povertà e una riforma previdenziale che consideri le esigenze generazionali.

Si tratta delle principali misure della risoluzione presentata dall'Onorevole Giacobbe  del Pd. E non stupisce se in esse rientri anche un piano di contrasto alla povertà, che al momento richiama l’ipotesi dell’assegno universale proposto dal presidente dell’Inps Boeri. Per la Giacobbe è fondamentale rendere effettivo un piano di contrasto alla povertà, “da affrontare con interventi di sistema e non con la logica del bonus, la questione delle persone che sono povere perché perdono il lavoro e non riescono a trovarne un altro, spesso per la loro età, non solo perché il lavoro è poco”.

Altro intervento necessario, quello per rendere il sistema previdenziale attuale più equo e sostenibile, sia economicamente e socialmente, e renderlo completamente diverso da quello attuale che ha allungato i tempi di pensionamento per tutti mantenendo a lavoro le persone più grandi e impedendo l’accesso nel mondo del lavoro ai più giovani, penalizzando, tra l’altro, soprattutto le carriere lavorative contributive delle donne.

La maggioranza vuole, però, che il governo metta nero su bianco l’impegno della bozza del Def che prevede compatibilmente con la disponibilità delle risorse economiche disponibili, di promuovere interventi in materia previdenziale volti a introdurre elementi di flessibilità. Si tratta di una misura che dovrà essere poi sottoposta al voto della Camera ma che al momento resta ancora solo un annuncio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il