BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, anzianità, uomini riforma Governo Renzi: novità atto depositato tra mera promessa e impegno scritto importante.

Quali sono le ultime notizie relative alla risoluzione di maggioranza sul sul Documento di economia e finanza 2015 approvata dalla Camera?




Via libera della Camera dei deputati alla risoluzione di maggioranza sul Documento di economia e finanza 2015. Se questo passaggio segnerà un punto a favore della riforma pensioni Renzi ovvero seguiranno novità di primo piano non resta che attendere. Come argomentato in sede di discussione da Anna Giacobbe del Partito Democratico, al centro dell'agenda politica del governo andrebbero collocati il contrasto alla povertà e la "la questione delle persone che sono povere perché perdono il lavoro e non riescono a trovarne un altro, spesso per la loro età, non solo perché il lavoro è poco".

Come è noto, occorre fare i conti con la situazione economica del Paese. La strada indicata nella risoluzione di maggioranza sul Def prevede coperture a tempo in attesa che in autunno l'assestamento di bilancio certifichi la presenza del tesoretto, la dote da circa un miliardo e mezzo che Renzi vuole destinare al sociale. La risoluzione chiede diversi altri impegni all'esecutivo, molti in linea con quanto già contenuto nel Def, ma anche di fare attenzione con la spending review per non intaccare protezioni sociali e servizi. Nella risoluzione anche alcuni obiettivi del Parlamento: dalla richiesta di mantenere gli sgravi contributivi per i nuovi assunti a quella, già da tempo al centro del dibattito, di introdurre meccanismi di flessibilità in uscita per le pensioni.

Nel frattempo l'Inps lancia il sito che calcola l'assegno di previdenza per gli under 40 con almeno 5 anni di versamenti. Entro il 2016 sarà esteso a tutti. Accedendo al proprio profilo, un lavoratore vedrà la data del pensionamento di vecchiaia e l'importo dell'assegno di anzianità, oltre al tasso di sostituzione (differenza tra pensione e retribuzione). Sul calcolo dell'assegno, che non certifica l'importo, pesano i contributi versati, l'età in cui si cessa il lavoro, l'andamento del PIL, le aspettative di vita. Per usufruire del servizio "La mia pensione" occorre richiedere un PIN sul sito dell'Inps. Il modello si ispira alla busta arancione introdotta in Svezia già negli anni Novanta.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il