BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, vecchiaia, anzianità riforma Governo Renzi: novità legge per soluzione problemi urgenti. Per chi, quando e come

Fra le proposte di riforma pensioni Renzi, molte ruotano attorno all'applicazione della cosiddetta quota 100. Ecco le novità.




Sono tante le ipotesi avanzate per la riforma pensioni. Le ultime notizie ci consegnano la proposta di Emanuele Prataviera, deputato della Lega, che ruota intorno alla flessibilità in uscita ovvero alla libertà di scelta nell'accesso dei lavoratori al trattamento previdenziale. Il punto fermo è rappresentato dalla necessità di raggiungere quota 100 attraverso la somma dell'età anagrafica e dell'anzianità contributiva, con un requisito minimo di 35 anni di contributi o in alternativa di 58 anni di età. Per un periodo di 3 anni e in via transitoria, viene anche sospeso l'adeguamento dei requisiti anagrafici e contributivi di accesso al sistema pensionistico agli incrementi della speranza di vita.

Si tratta di una proposta che va nella scia di quella presentata da Cesare Damiano, presidente della commissione Lavoro della Camera dei deputati, che prevede di introdurre un sistema di flessibilità in uscita, a decorrere dal primo gennaio 2016 e fino al 31 dicembre 2021, per i lavoratori che, fatta salva la conferma del requisito di anzianità contributiva non inferiore a 35 anni e di una soglia anagrafica non inferiore a 62 anni, possono conseguire, quale somma tra il requisito anagrafico e quello contributivo, la quota 100. Per i lavoratori autonomi iscritti all'Inps, la somma di età anagrafica e di anzianità contributiva sale a 101 e l'età anagrafica minima per il congedo è di 63 anni.

E mentre si ragiona sui modi di attuare un vero ricambio generazionale (soprattutto nella pubblica amministrazione), il governo è pronto a modificare l'attuazione del programma garanzia giovani che in Italia si sta dimostrando un flop: centinaia di migliaia di ragazzi iscritti ma poche proposte reali di lavoro o stage. Ad annunciare una revisione è stato il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, rivelando di aver già predisposto dei decreti ministeriali per ritoccare procedure e impianto.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il