BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia e anzianità Governo Renzi: riforma novità quando si deve decidere si rimanda sempre. Ecco ancora un esempio

La riforma pensioni Renzi sembra arrestarsi proprio quando c'è il momento di fare la sintesi delle tante proposte presentate. Novità e ultime notizie.




A raccontarlo è la storia recente della politica italiana: tutte le volte che c'è da tirare le somme sulle tante proposte di riforma pensioni, si verifica lo stop alla sua concretizzazione. Gli esempi sono tanti, dalle promesse del premier Matteo Renzi di interventi agevolative a beneficio di chi percepisce gli assegni previdenziali più bassi alle rassicurazioni di Giuliano Poletti, ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, sull'inserimento di misure ad hoc nella legge di stabilità, passando per quel decreto previdenza che non ha mai visto la luce. Insomma, si parla tanta ma si raccoglie poco o nulla. Le ipotesi di modifica della legge Fornero si arrestano al fotofinish.

In qualche modo lo scenario si è ripetuto anche sul versante della spending review. Le proposte di intervento del commissario straordinario Carlo Cottarelli sono rimaste ferme in un cassetto. Adesso se ne parla di nuovo con un nuovo responsabile, Yoram Gutgled, che ha messo nel mirino gli assegni di invalidità. Tra le altre ipotesi c'è il taglio del 2-3% delle retribuzioni dei dirigenti pubblici, a tutti i livelli. Anche i bilanci di Comuni e Regioni potrebbero finire sotto la scure. L'accentramento degli acquisti pubblici in 35 centrali appaltanti produrrà i suoi effetti nel tempo e non certo già dal prossimo anno. La proposta è di procedere a una sforbiciata del 5% su tutte le forniture nel comparto della sanità non legate a gare d'appalto o su quelle concesse in proroga.

Cottarelli ipotizzava risparmi per 2-3 miliardi di euro anche dalla razionalizzazione della giungla delle società. Il governo per ora non ha quantificato i benefici. La recente legge di stabilità ha previsto riduzioni ancora lineari o quasi agli enti locali, ma per il futuro la strada è quella dell'applicazione di costi e fabbisogni standard.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il