BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni, riforma pubblica amministrazione contratti sblocco, quota 96, amnistia, indulto,riforma Tasi e Imu: novità Governo Renzi

Via libera all’accorpamento dei forestali, previsti aumenti di Imu e Tasi, e nuove speranze per il pensionamento dei quota 96 della scuola: le novità e ultime notizie




Via libera all’accorpamento dei forestali che manterranno le loro mansioni, aumentano quest’anno Imu e Tasi nella maggior parte delle città italiane e Boeri ha annunciato il via a ‘La mia pensione’, nuovo passo dell’operazione trasparenza dell’Inps. Vediamo le novità

Pensioni:  Al via dal primo maggio il nuovo step dell'operazione trasparenza dell'Inps che permetterà ai contribuenti di conoscere il loro futuro pensionistico e l'importo delle pensioni che percepiranno. La procedura ‘La mia pensione’ è stata presentata in una conferenza stampa dal presidente dell'Inps Boeri, che ha sottolineato come questa operazione avrebbe dovuto essere fatta quando con la legge Dini sulle pensioni si è passati dal sistema retributivo a quello contributivo. Illustrando il calo del tasso di sostituzione rispetto alla retribuzione negli ultimi vent'anni. Boeri ha spiegato che “il grafico dimostra l'ignavia di Stato. Le persone non hanno potuto programmare il proprio futuro. Le informazioni non sono state diffuse per viltà, per paura di essere puniti nell'urna”. E presentando l'operazione che riguarderà per primi gli under 40, ha precisato “Abbiamo deciso perchè sono coloro che hanno più bisogno di essere consapevoli. Per l'amministrazione pubblica è un dovere civico dare questo servizio. Dobbiamo essere in grado di informare i cittadini senza spingere le persone ad affidarsi ad altri soggetti”.

Riforma P.A. forze dell’Ordine: Via libera alla riforma del Corpo di Polizia nella nuova riforma della P.A. Il Corpo Forestale dovrebbe, infatti, essere assorbito dalla Polizia di Stato ma i forestali continueranno a mantenere le loro funzioni diventando una polizia specializzata. Sarà garantita ‘l'unitarietà delle funzioni attribuite a questo corpo’ secondo quanto prevede un emendamento riformulato dal Relatore, Giorgio Pagliari, all'articolo 7 del disegno di legge delega di Riforma della Pubblica Amministrazione. I forestali saranno dunque assorbiti (nel corpo della Polizia di Stato, si presume, anche se saranno i decreti legislativi a precisare gli esatti contorni della misura) ma sarà salvaguardata l'unitarietà di un comparto che svolge una funzione specifica ed essenziale nel contrasto dei reati ambientali, nella lotta alle frodi alimentari, nella prevenzione del dissesto idrogeologico.

Quota 96: Nuove possibilità all’orizzonte per il pensionamento dei quota 96 della scuola ancora in attesa: è stato depositato in Commissione Lavoro un nuovo ddl per mandare in pensione i 4mila lavoratori della scuola con i vecchi requisiti pensionistici in vigore prima della nuova legge Fornero. Il ddl prevede l'esclusione dalla legge pensionistica attuale di quei lavoratori che hanno maturato un diritto a pensione, secondo la vecchia normativa, entro l'anno scolastico 2011-2012, per cui coloro che hanno raggiunto quota 96 (60 anni di età e 36 di contributi, oppure 61 anni di età e 35 di contributi) possono andare in pensione in deroga alla Legge Fornero.

Indulto e Amnistia: Continua in Commissione Giustizia l'esame dei ddl sulle misure di indulto e amnistia e il dibattito politico in merito è piuttosto acceso ma da tempo il ministro Orlando tace ormai sulla questione. Intanto, la scorsa settimana è stato presentato in Senato il disegno di legge sull’introduzione del reato di tortura, dopo aver già avuto il via libera in prima lettura. Al vaglio anche il disegno di legge di riforma della prescrizione dei reati.

Tasi e Imu: Si profilano nuovi aumenti per il pagamento di Imu e Tasi che per quest’anno ancora dovranno essere pagate separatamente a giugno. Dal prossimo 2016, invece, saranno accorpate in un’unica Local Tax. Preoccupata la Cgia, secondo cui sono solo poco più di una dozzina le amministrazioni comunali capoluogo di provincia che hanno deliberato le aliquote/detrazioni dell’Imu e della Tasi per il 2015 e oltre la metà dei sindaci che hanno già deliberato, come quello di Arezzo, di Bologna, di Livorno, di Modena, di Potenza, di Rimini e di Treviso, ha deciso di aumentare le tasse sugli immobili. Imposte minori saranno invece a carico dei cittadini di Aosta, di Carbonia, di Pesaro e di Rovigo, Enna e Mantova.
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il