BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie non aspettando lo Stato diverse regioni attivano leggi sui propri territori

Nell’attesa di una soluzione universale per tutti, novità flessibili riforma pensioni già avviate in alcune città e Regioni: quali sono e cosa prevedono. Le ultime notizie




Nell’attesa che si giunga finalmente alla definizione di una soluzione pensionistica universale per tutti, capace di garantire maggiore flessibilità ed equità, alcune Regioni e città precedono lo Stato e hanno già deciso in autonomia di cambiare la riforma pensioni attuale approvando quei piani di uscita anticipata al vaglio dell’esecutivo ormai da troppo tempo.

Tra i primi esempi, le novità di Sicilia, Piemonte, Calabria. In Piemonte, è stata approvata l’uscita anticipata con staffetta generazionale e part time per i lavoratori con più di 50 anni, dipendenti da almeno cinque anni di un'impresa della regione, cui mancano tre anni di contributi per la pensione. Si tratta di lavoratori che passando part-time creerebbero nuove possibilità di assunzione a tempo indeterminato o con contratto di apprendistato a un giovane disoccupato, di età compresa fra i 18 e i 32 anni.

Nei casi di prepensionamento con part time, l’azienda continua a pagare al lavoratore solo i contributi per l'orario ridotto e il resto saranno coperti dall'Inps. In  Calabria, invece, per i lavoratori dipendenti a tempo indeterminato della Regione, è stato esso a punto uno scivolo che accompagnerebbe il lavoratore fino al raggiungimento dei requisiti pensionistici garantendo un’indennità supplementare in cambio della risoluzione del rapporto di lavoro, per favorire l’inserimento di nuovi giovani nella P.A. Uscita anticipata a quota 100, infine, in Sicilia per i dipendenti regionali in esubero.  

Novità flessibili definite anche nella città di Trento, dove è stato già approvato  il reddito di garanzia per famiglie che vivono alle soglie della povertà ma per ottenerlo bisogna rispondere ad alcune condizioni. Tra le novità e ultime notizie, l’approvazione dell’assegno universale anche in Molise, come strumento di contrasto alla povertà. Ed è stato approvato anche un piano di tagli alle pensioni di consiglieri e assessori.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il