BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tesi Invalsi 2015: prove anni precedenti elementari, superiori medie, simulazioni, domande e risposte italiano e matematica

Slittano le date per sostenere i Test Invalsi 2015: a cosa servono e come prepararsi al meglio a domande e risposte che verranno somministrate




Slittano le date per sostenere i Test Invalsi: il prossimo 5 maggio, infatti, giorno in cui avrebbero dovuto tenersi le prove, il mondo della scuola si prepara a scioperare con la riforma della Scuola del governo Renzi e così la prima prova per la scuola primaria è stata spostata al 6 maggio. Per prepararsi al meglio per le prove di elementari, medie, superiori è innanzitutto consigliabile ripassare bene tutto quello che si è fatto durante l'anno. Le prove Invalsi sono strutturate al fine di per rilevare e misurare periodicamente il livello di apprendimento degli studenti italiani e sono definite a partire dalle Indicazioni per il curricolo del Ministero.

Sono previste le prove di italiano e matematica, e un questionario anonimo. Le prove Invalsi sono rivolte a tutti gli studenti che frequentano le seguenti classi: II e V primaria; I e III secondaria di I grado (solo per la classe terza è prevista la valutazione); II secondaria di II grado, e le domande vengono predisposte da insegnanti dei diversi livelli scolastici. I risultati vengono poi forniti alle singole scuole in forma privata e anonima. Ogni scuola potrà poi analizzare i risultati dell’apprendimento dei propri studenti confrontandoli al proprio interno (classi della stessa scuola) e con altre scuole.

Per la scuola primaria, la preparazione degli studenti spetta direttamente agli insegnanti, tutti gli altri studenti più grandicelli, per prepararsi al meglio, possono fare riferimento alle prove degli anni precedenti, e in questo senso Internet offre una grande quantità di prove con cui esercitarsi. Basta semplicemente consultare i siti specifici che presentano domande e risposte tipo già somministrate gli anni scorsi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il