BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Calcolo pensione INPS e 730 2015 precompilato modifiche sito web INPS attivi nuovi servizi. Per chi e come funzionano

Al via da venerdì primo maggio possibilità di modifica e integrazione 730 precompilato e La mia pensione nuova procedura Inps per conoscere il proprio futuro pensionistico: novità e come fare




E’ partita venerdì scorso primo maggio la fase due del modello 730 precompilato 2015: dopo la prima fase di invio da parte dell'Agenzia delle Entrate, ora, nonostante il timore di tanti che avevano pensato che tutto potesse partire da oggi visto il week end, è possibile intervenire sulla dichiarazione precompilata online con modifiche e integrazioni di dati mancanti. I contribuenti, accedendo al loro 730 precompilato, possono decidere o di accettare la dichiarazione dei redditi 2014 così come inviata telematicamente dalle Entrate, o modificarla. In tal caso dovranno inserire nuovamente le loro credenziali, accedere alla sezione Fisconline, o inserire il pin dell’Inps, e usare la funzione ‘Modifica 730’.

Si possono modificare diverse sezioni del documento, sia quelle di tipo informativo generale, che quelle specifiche su redditi e dati fiscali. Se si deve, per esempio, modificare un dato relativo all’indirizzo di residenza del contribuente, non sarà necessaria la revisione approfondita da parte delle istituzioni fiscali. Nessun controllo previsto anche nel caso in cui le modifiche riguardino variazioni del codice fiscale del coniuge non fiscalmente a carico, la richiesta di utilizzare in compensazione il credito risultante dal 730 in F24; il pagamento a rate; le destinazioni dell’8, 5 e 2 per mille.

Saranno invece oggetto di eventuali controlli del Fisco modifiche che toccano il reddito imponibile, soglie di detrazione o deduzione, agevolazioni o redditi maturati. Per chi ancora non avesse il pin d’accesso al sito dell’Agenzia delle Entrate può sempre richiederlo sul sito www.agenziaentrate.gov.it, telefonando al numero 848.800.444 o agli uffici territoriali delle Entrate, e riceverà la prima parte del Pin, mentre la seconda sarà inviata online in 15 giorni.

I contribuenti che hanno Smart Card/Cns possono, invece, seguire una procedura semplificata: il sistema dopo aver effettuato i controlli sulla Carta nazionale dei servizi inserita nel lettore, fornirà immediatamente al contribuente il codice Pin e la password per l'accesso a Fisconline. E, come annunciato, da venerdì scorso, accedendo al sito Inps, è possibile anche conoscere il proprio futuro pensionistico. Lavoratori, più o meno giovani, d’ora in poi scopriranno quando andranno in pensione e quanto percepiranno, attraverso, chiaramente, l’elaborazione di diversi dati e parametri.

Con il via alla procedura ‘La mia pensione’ entra nel vivo l’operazione trasparenza del presidente Boeri. La procedura permetterà ad ogni contribuente di conoscere il proprio futuro pensionistico e inizialmente riguarderà gli under 40 e Boeri ha spiegato che “Abbiamo deciso perchè sono coloro che hanno più bisogno di essere consapevoli. Per l'amministrazione pubblica è un dovere civico dare questo servizio. Dobbiamo essere in grado di informare i cittadini senza spingere le persone ad affidarsi ad altri soggetti”.

L'Inps ha comunicato che l'operazione parte per gli iscritti al fondo lavoratori dipendenti, alle gestioni autonome e quelle dei parasubordinati; si potrà accedere alle informazioni se si è in possesso del pin Inps e di almeno cinque anni di contributi versati. Nel 2016, poi, l'operazione riguarderà anche i lavoratori domestici e gli agricoli per essere estesa, entro la fine dell'anno, ai dipendenti pubblici per arrivare a comprendere in tutto oltre 23 milioni di persone.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il