BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia, donne, anzianità riforma Governo Renzi: novità quota 100, contributivo, mini pensiona ora più che mai attuate

Meccanismi di uscita anticipata e flessibile per tutti ora necessari più che mai: situazione attuale, ultime notizie e prospettive




Meccanismi di uscita anticipata con quota 100, mini pensione o prestito pensionistico, assegno universale ma anche interventi negativi che dovrebbero servire a mettere da parte nuove risorse economiche da reimpiegare in una logica di redistribuzione più equa per tutti.

E’ chiaro come la discussione sulla riforma pensioni sia oggi più viva che mai e più necessarie che mai si stanno facendo le modifiche richiesta da tutti, tra forze politiche e sociali. Se, infatti, fino a qualche mese fa gli interventi sulle pensioni erano stati richiesti per arginare i problemi creati dalla legge Fornero, le novità e ultime notizie confermano una situazione attuale ben peggiore.

A causa, infatti, dell’allungamento dell’età pensionabile, è cresciuta la disoccupazione: la legge Fornero ha infatti costretto i lavoratori a rimanere a lavoro più a lungo impedendo l’accesso al mondo occupazionale ai più giovani. Ed ecco che alla luce degli ultimi dati Istat sulla disoccupazione, torna a crescere nel mese di marzo, ed anche parecchio, raggiungendo un livello record, permettere uscite anticipate significherebbe dare nuovo slancio al mondo del lavoro e, di conseguenza, all’economia in generale.

E potrebbero rivelarsi, contrariamente a quanto sostenuto da Mef e Ue, anche interventi di investimento, considerando che sono a costo zero visto che ognuno prevede penalizzazioni a carico del lavoratore che decide di andare in pensione prima, che permetterebbero risparmi sul lungo periodo risparmi, e che consentirebbero anche di attuare quel turn over generazionale al lavoro necessario per permettere ai giovani di entrare nel mondo del lavoro ma anche per rendere questo stesso più competitivo.   
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il