BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: quota 100, mini pensione, assegno universale calendario appuntamenti a Maggio

Gli appuntamenti del mese di maggio sulle pensioni e cosa potrebbe davvero cambiare: le ultime notizie e novità possibili




Flessibilità in uscita, nuovi requisiti di pensionamento per la riforma pensioni con quota 100, mini pensione o prestito pensionistico, ma anche la proposta dell’assegno universale per gli over 55 e il decreto previdenza: sono le novità e ultime notizie che potrebbero iniziare a definirsi in questo mese di maggio. Diversi gli appuntamenti in programma, infatti, in questo mese che potrebbero avere conseguenze sulle pensioni, a partire dalle elezioni regionali che si terranno il 31 e che potrebbero essere volano per nuove iniziative che rappresenterebbero una strategia vincente per il governo Renzi che deve riconquistare consensi.

E puntare sulle pensioni sarebbe decisamente cruciale, visto che si tratta di una questione che tocca da vicino i cittadini e per cui da tempo tutti chiedono interventi, soprattutto flessibili. Fino ad oggi, infatti, forse grazie alla nomina di Tito Boeri nuovo presidente dell’Inps, gli unici interventi concreti sulle pensioni sono stati messi in atto solo dall’Inps, dal via all’operazione trasparenza, a ‘La mia pensione’, che permettere ai lavoratori di sapere quando potranno andare in pensione e quanto percepiranno. Questa ulteriore novità partita ufficialmente venerdì scorso primo maggio è l’ennesimo indizio che qualsiasi cosa finora Boeri abbia annunciata è stata messa in atto, il che lascia ben sperare anche per gli interventi del suo piano, da ricalcolo contributivo a maggiore flessibilità in uscita, all’assegno universale.

E, infatti, verso la fine di maggio Boeri, insieme al ministro del Lavoro Poletti, dovrebbe presentare la proposta che contiene l’assegno universale per gli over 55, e nel frattempo si attenderanno novità pensioni anche dalla discussione della riforma della P.A. e del part time per l’uscita anticipata. Tra fine mese e l’inizio di giugno, è atteso poi il decreto previdenza che dovrebbe contenere quel piano tagli a più riprese annunciato dal premier Renzi per baby pensioni, pensioni di invalidità, cumulo, reversibilità, guerra.

Interventi negativi che dovrebbero però, attraverso il risparmio di risorse economiche, preludere alla possibilità di mettere in atto interventi positivi, vale a dire garantendo a tutti la possibilità di uscire prima dal lavoro con uno di quei piani a costo zero al vaglio del governo. Non si ferma, in tal senso, il lavoro dei parlamentari sempre e ancora impegnati nelle discussioni di nuove proposte e nuovi ddl presentati volti appunto a modificare la riforma pensioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il