BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità, donne, vecchiaia Governo Renzi: novità riforma elezioni regionali contributivo, quota 100, mini pensioni

La questione della riforma pensioni è sempre di stretta attualità, ma si procede con lentezza rispetto ai bisogni sociali.




C'è da credere che sulla riforma pensioni tutto rimarrà immutato e prevarrà la linea conservatrice di Renzi e del ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan? Ci sarà spazio per le tante ipotesi di rendere il sistema previdenziale creato dalla legge Fornero più flessibile ovvero meno penalizzante per l'uscita anticipata? Qual sono novità e ultime notizie? Gli spazi di manovra sono pochi e la ristrettezza è giustificata dall'assenza di coperture economiche. Eppure non mancano soluzioni a costo zero o a impatto limitato per le casse dello Stato.

Da tempo si ragiona su forme di sostegno al reddito, proposte dal ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti e incoraggiate dal presidente dell'Inps Tito Boeri, con cui dare l'opportunità del congedo agli over 55 disoccupati. Altra ipotesi sul campo è l'applicazione della cosiddetta quota 100, come somma di età anagrafica e anni di contribuzione, come soglia da raggiungere per andare in pensione. Così come si ragiona sull'estensione a tutti i lavoratori del sistema di calcolo dell'assegno con il più equo metodo contributivo. Resta da chiedersi fino a che punto incideranno le imminenti elezioni regionali: ci saranno promesse sulle pensioni? E saranno rispettate?

Un'altra partita dagli esiti ancora da scrivere è quella dell'opposizione interna al Partito Democratico. Lo strappo si è consumato con la decisione del governo di porre il voto di fiducia sull'Italicum, la nuova legge elettorale. La novità è rappresentata dall'abbandono del Partito di Pippo Civati, già candidato alle Primarie per la guida del PD. In quanti seguiranno questa strada? Si ricorda che sono 6 i senatori dem che alle ultime Primarie del 2013 hanno preso posizione in favore di Civati: Casson, Tocci, Ricchiuti, Albano, Mineo e Lo Giudice. Quella minoritaria è l'area più sensibile rispetto alle questioni sociali, riforma pensioni compresa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il