BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: per la prima volta la stessa maggioranza chiede di cambiare legge totalmente

Nuova richiesta dal Pd di revisione totale dell’attuale legge pensionistica: sempre più urgenti nuovi interventi e modifiche. Ma cosa si potrebbe fare?




Da mesi ormai si susseguono proposte e ddl per modificare la legge pensioni attuale ma adesso qualcosa sembra stia cambiando e una parte del Pd chiede che vengano completamente rivista la legge a favore di novità meno rigide e che vengano modulate sulla base della attuali condizioni dell’Italia. Sulla scia, dunque, di quanto proposto mesi da fa dalla Lega con il suo referendum abrogativo che chiedeva, appunto, l’eliminazione totale dell’attuale legge pensionistica e il ripristino delle vecchie norme, ora anche il Pd chiede cambiamenti radicali.

Del resto si tratta di uno schieramento, soprattutto la sua minoranza, sempre stato attivo per quanto riguarda interventi sulla questione pensioni e sempre pronto a presentare proposte e interventi volti a correggere errori di formulazione della legge attuale o a risolvere casi particolari. Ora, invece, sembra che si miri per la prima volta ad un cambiamento radicale con una trasformazione della legge attuale che pesa particolarmente su pensionati, pensionandi e lavoratori. E sono diversi gli esponenti che hanno avanzato questa richiesta. Tra loro Stefano Pedica che ritiene sia ormai, e finalmente, arrivato il momento di cancellare del tutto le norme pensionistiche attuali.

E spiega che si tratta di una necessità agire in tal senso, considerando che, seppur vero che le norme fissate dalla Fornero hanno contribuito alla tenuta dei conti pubblici in Italia in un momento di crisi, è anche vero che hanno fortemente penalizzato i lavoratori e provocato enormi danni sociali. E quale miglior momento di cambiare proprio a seguito del caos scatenatosi negli ultimi giorni e alla luce dei nuovi dati allarmanti sulla disoccupazione italiana che ormai impongono interventi flessibili, da cui non si può più prescindere per rilanciare mercato del lavoro ed economia in generale.

Probabilmente, come chiedeva già la Lega, la soluzione potrebbe essere proprio quella di tornare alle vecchie regole previdenziali che, riportando i requisiti di accesso alla pensione com’erano prima dell’arrivo della Fornero, risolverebbe immediatamente anche le questioni di esodati e quota 96 della scuola, ponendo fine in maniera definitiva e finalmente a casi che ancora non trovano soluzioni da parte del governo. Ma probabilmente l’ipotesi potrebbe essere quella di definire norme che siano magari un compromesso tra vecchio e nuovo. Ma non resta che attendere le prossime settimane per capire se questo orientamento potrà essere davvero seguito o meno.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il