BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia, donne, anzianità riforma Governo Renzi: novità no risarcimenti, preferiti quota 100, mini pensioni da molti

Rinunciare ai rimborsi pensionistici per rilanciare economia e a favore dei più giovani: nuovo Comitato e cosa potrebbe davvero succedere




Rinunciare ai rimborsi pensionistici decisi in questi ultimi giorni a favore di un sostegno per i più giovani e di possibilità di approvazione dei nuovi piani di uscita anticipata e flessibile per tutti: queste le novità e ultime notizie trapelate in settimana. E’ da tanto tempo ormai che si discute di maggiore flessibilità in uscita, necessità e nuove forme ad ho da approvare, mesi che si parla di uscita a quota 100, pensione anticipata con mini pensione o prestito pensionistico, e della possibilità di approvazione dell’assegno universale come nuova forma di tutela per gli over 55 che rischiano di rimanere senza lavoro e senza pensione.

Attenzione puntata sui piani pensionistici flessibili non solo da parte di lavoratori e pensionati ma anche da parte degli esperti di economia secondo cui non si può prescindere dal rendere più flessibile il sistema pensionistico dalle forme di pensione anticipata, con il vantaggio, sottovalutato dall’Ue, che si tratta di meccanismi a costo zero che si possono autofinanziare con le penalizzazioni a carico dei lavoratori che decidono di lasciare prima il lavoro.

Eppure si temono conseguenze negative a seguito dell’ultima sentenza della Corte Costituzionale, che ha ritenuto illegittimo il blocco della rivalutazione pensionistica degli assegni superiori tre volte il minimo Inps, perché secondo alcuni potrebbe essere vista come una scusa per non intervenire sulle pensioni con sistemi flessibili in uscita, visto che costerebbe parecchio.

Ma c’è chi, tra gli interessati che devono ricevere risarcimenti, alla luce di commenti e parole che si leggono sul tema sui diversi siti web, si dice pronto a rinunciarvi in favore di un sostegno ai più giovani e per il rilancio dell’economia. E, come spiegato, dal deputato di Scelta Civica Librandi è nato anche un comitato ‘Non vogliamo il rimborso’,  che si propone di raggruppare tutti i pensionati che decidono di rinunciare al risarcimento.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il