iPhone 7, iPhone 6S, iOS 9: differenze, miglioramenti, compatibilità, uscita. La vera innovazione dovrebbe essere il nuovo OS

Le novità più interessanti sulla nuova generazione di iPhone dovrebbero arrivare dalla prossima versione del sistema operativo iOS 9.

iPhone 7, iPhone 6S, iOS 9: differenze,


La nuova versione del sistema operativo di Apple, l'iOS 9, è alle porte. I primi dettagli ufficiali su caratteristiche tecniche, novità e funzioni sono attesi alla Worldwide Developers Conference 2015, l'annuale raduno di Apple con i suoi sviluppatori, in calendario dall'8 al 15 giugno al Moscone West di San Francisco, in California. Al pari di quanto è accaduto esattamente un anno fa con l'iOS 8, si tratta di un evento da seguire con molta attenzione. Il nuovo software andrà infatti di pari passo con la nuova generazione del melafonino, attesa solo in autunno, che dovrebbe essere l'iPhone 6S anziché l'iPhone 7, a sottolineare la gradualità degli aggiornamenti che saranno implementati.

Ecco allora che secondo gli esperti del mondo della mela morsicata, l'innalzamento del livello di innovazione passerà innanzitutto dal sistema operativo. Non occorre fare l'errore di credere nella rivelazione di tutti i cambiamenti che l'iOS 9 porterà con sé, già in occasione dell'evento di San Francisco. Così come la prima versione beta darà solo un primo assaggio del nuovo software. Restano poi da scoprire i dispositivi che saranno compatibili con l'iOS 9, tenendo conto che la versione più recente - la seconda beta dell'iOS 8.4 - è supportata da iPhone 6, iPhone 6 Plus, iPhone 5S, iPhone 5C, iPhone 5, iPhone 4S, iPad Air 2, iPad Air, iPad 4, iPad 3, iPad 2, iPad mini 3, iPad mini 2, iPad mini e iPod touch di quinta generazione.

Stando alle indiscrezioni più recenti, l'iOS 9 proporrà il servizio di ascolto di musica in streaming Beats. In questo modo Apple entrerà in diretta concorrenza con i vari Deezer, Rdio e Spotify, già da tempo presenti in questo business. Sono perfino trapelate le prime informazioni, da confermare, secondo cui il servizio sarà lanciato a un prezzo concorrenziale, quasi sicuramente al di sotto della soglia di 10 euro al mese per l'accesso senza limiti all'intero archivio musicale.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il