BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, vecchiaia, anzianità Governo Renzi: novità all'Ue dati i fondi necessario per interventi. E ora sono in pericolo

L'Unione europea non vuol sentir parlare di novità sulla riforma pensioni. Eppure non mancano le proposte a costo quasi zero per lo Stato.




Quello della riforma pensioni Renzi è un percorso a ostacoli. Le ultime notizie riferiscono dell'ostracismo di Bruxelles alla modifica della legge Fornero. Per le istituzioni europee, i bisogni sociali sono subordinati agli equilibri economici. E almeno fino a questo momento, a poco sono servite le ipotesi di cambiamento delle pensioni con misure a costo contenuto per lo Stato, come l'allargamento a tutti del sistema di calcolo dell'assegno con il metodo contributivo, le mini pensioni o l'applicazione della cosiddetta quota 100.

Questa settimana, a partire da mercoledì, sono poi attese le raccomandazioni della Commissione Europea al governo italiano sulle misure economiche e le riforme del governo. Non finiranno sotto esame di Bruxelles le questioni relative agli effetti sul bilancio del buco sui conti Inps così come non dovrebbero essere considerate neanche le perdite potenziali per i derivati sui tassi dei titoli di Stato. In ogni caso, nelle sue scelte, sia esse sulle pensioni o meno, il governo Renzi non deve sforare la soglia del 3% nel rapporto tra deficit e Prodotto interno lordo. per non incorrere in una procedura di infrazione da parte dell'Unione europea.

In questo contesto va osservata con attenzione la questione della Grecia, anche alla luce del prestito italiano per scongiurarne il fallimento. Anche se il governo ellenico ha smentito di avere in cassa solo 2 miliardi di euro per pagare stipendi e pensioni, Atene vive ore critiche: ha crediti in scadenza per 2,5 miliardi di euro al Fondo monetario internazionale tra maggio e giugno e le due rate di bond della Bce da 7,5 miliardi di euro in estate. Il negoziato con l'Unione europea prosegue a fatica ma sarà difficile raggiungere un'intesa definitiva: il premier Alexis Tsipras non vuole toccare le pensioni né imporre nuove tasse o cedere beni statali. "Vogliamo una soluzione sostenibile all'interno dell'euro", dice il governo, ma Bruxelles non cede sulla richiesta di privatizzazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il