Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: interventi peggiorativi sono certi troppe conferme. Due questioni aperte rimangono

Ancora in alto mare i meccanismi di uscita anticipata e flessibile per tutti e più probabili interventi negativi: quali sono e a cosa potrebbero servire. Le novità e ultime notizie

Pensioni ultime notizie riforma Governo


Restano ancora in ballo, e in alto mare, i meccanismi di uscita anticipata e flessibile per tutti per modificare l’attuale riforma pensioni e renderla meno rigida, sembra che, invece, il premier Renzi abbia intrapreso la sua strada di interventi condivisi con i suoi consiglieri economici e con il presidente dell’Inps Boeri. Si tratta di quei tagli che dovrebbero interessare pensioni di invalidità, baby pensioni, pensioni di reversibilità e sistema contributivo, che, secondo il premier, potrebbero permettere l’accumulo di quelle risorse necessarie per andare avanti anche sui meccanismi flessibili.

Tra le novità e ultime notizie, l’ultimo atto dell’operazione trasparenza avviato dal presidente Boeri e la partenza ufficiale venerdì scorso primo maggio de ‘La mia pensione’, sistema di calcolo e simulazione del futuro pensionistico dei lavoratori che, semplicemente inserendo pochi semplici dati, potranno sapere quando andranno in pensione e quanto potrebbero percepire mensilmente. Anche Gutgeld prosegue con le sue intenzioni di intervento sulle pensioni, a partire dal contributivo e si attende di capire cosa e se qualcosa potrebbe arrivare, a sorpresa, in vista delle prossime elezioni regionali di fine mese.  

Tra gli ultimi interventi da segnalare sulle pensioni, quello del sottosegretario all’Economia Zanetti che ha chiaramente detto che Renzi sbaglia a non parlare direttamente di pensioni, ponendo il problema della considerevole cifra che serve, per esempio, per i risarcimenti ai pensionati che non hanno goduto della rivalutazione pensionistica in questi anni per effetto dell’attuale legge pensionistica, e rilanciando l’ipotesi di una restituzione parziale dei soldi, tra l’altro nelle intenzioni dello stesso Renzi.

Si tratta, comunque, di una misura che potrebbe far letteralmente saltare i conti, visto che servono oltre 10 miliardi di euro e si potrebbero rischiare eventuali aumenti Iva. E’ chiaro, dunque, come per scongiurare altri pesi per i cittadini, probabilmente si procederà con gli interventi negativi al vaglio che permetterebbero di mettere da parte nuovi soldi, ma si pongono a questo punto due dubbi: il primo riguarda gli interventi negativi che effettivamente verrebbero approvati, se tutti di quelli annunciati o solo qualcuno, e chi potrebbero colpire; e il secondo pone il problema dell’utilizzo delle risorse.

Se, infatti, effettivamente dagli interventi negativi previsti verranno recuperate nuove risorse economiche, i soldi verranno impiegati in ulteriori interventi pensionistici e se si per quali, per sistemi di uscite anticipate e flessibili per tutti; o aumentare finalmente gli assegni minimi, o, ancora una volta, per elaborare singole leggi solo per determinate categorie di lavoratori, rischiando di ricadere sempre nello stesso errore?

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il