BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: resoconto ultimi incontri fatti con indicazioni quota 100, mini pensione, assegno

Si è aperta una settimana che potrebbe rivelarsi decisamente importante per capire come poter effettivamente lavorare sulla riforma pensioni: le ultime notizie




AGGIORNAMENTO: Ci si attendeva delle indicazioni da parte degli incontri e appuntamenti attesi in questi ultimi giorni e così è avvenuto anche se le ultime notizie e novità per quanto riguarda la riforma pensioni non sono così dirette e chiare, ma bisogna saperle leggere e interprate come spesso accade. Alla Camera, in audizione, hanno parlato Poletti e Boeri i quali entrambi si sono tenuti sulla stessa linea, ovvero per i risarcimenti dell'Alta Corte hanno parlato dell'importanza di garantire l'equlibrio sia nel breve che nel lungo termine, cercando di favorire chi prende meno e i più giovani. Soprattutto Boeri, con le sue parole, ha ribadito, seppur indirettamente, il ricalcolo contributivo o perlomeno un contributo di solidarietà che probailmente mosterà nel suo piano di riforma pensioni tanto atteso a Giugno.
Interessanti, anche le parole dell'Ue che nelle raccomandazioni all'Italia, hanno parlato di interventi sul lavoro e di come la disoccupazione, sopratutto giovanile, è ancora molto alta e di come si deve intervenire tralasciando, però, qualsiasi discorso su flessibilità in uscita con pensione anticipata di cui sappiamo l'Ue è contraria, o perlomeno, si fida poco dei nostri possibili interventi correttivi.  E a proposito della poca fiducia, è interessante notare che nelle raccomandazioni di questa volta, a dispetto di quelle dei mesi precedenti non si parli di assegno universale e sostegno alla fasce più deboli con interventi sul welfare e previdenza (come era stato scritto in precedenza ricordando che l'Italia era una delle poche nazioni a non avere un sistema di assegno universale). Paradossale, ma indicazione di poca fiducia, che nel momento in cui l'assegno universale prende i favori di tutte le forze politiche italiane, l'Ue non ne parli, ma citi solo generici interventi vita-lavoro.

 

Si è aperta una settimana che potrebbe rivelarsi decisamente importante per capire come poter effettivamente lavorare sulla riforma pensioni con quelle modifiche al vaglio del governo Renzi ormai da troppo tempo ma che si stanno rendendo sempre più necessarie. E’ infatti diventato urgente intervenire sulle pensioni soprattutto perché collegate al lavoro e in questo senso si pensa in particolar modo ai piani di uscita anticipata con quota 100 o mini pensione o prestito pensionistico.

Le novità e ultime notizie di questi mesi confermano, infatti, che i rigidi requisiti imposti dall’attuale legge pensionistica non hanno fatto altro che penalizzare lavoratori e giovani disoccupati, impedendo ai primi di andare a lavoro e costringendoli a rimanere più a lungo, vista l’estensione dell’età pensionabile, e chiudendo ai secondo ogni possibilità di ingresso nel mondo del lavoro.

Qualcosa deve, dunque, cambiare e, per molti esperti e forze politiche, è impossibile rilanciare occupazione, competitività ed economia in generale senza passare per le pensioni. E in tal senso una prima novità potrebbe arrivare oggi, mercoledì 13 maggio, quando si attendono, con grande curiosità, le raccomandazioni dell'Ue che potrebbero riportare anche indicazioni su pensioni e previdenza, come già fatto per esempio con la divisione tra pensioni e assistenza, e quindi ci si potrebbe aspettare indicazioni su assegno universale, soluzioni per chi ha perso il lavoro, o altro ancora.  

Venerdì 15 maggio, invece, è in programma la presentazione del decreto sul risarcimento delle pensioni, come annunciato dal ministro dell’Economia Padoan che ha parlato di un decreto specifico “entro la settimana” per coprire i risarcimenti che spettano ai pensionati penalizzati dal blocco della rivalutazione pensionistica fissato dall’attuale legge pensioni in vigore. E, tra fine mese e inizio giugno, si attende anche la presentazione della proposta dell’assegno universale per gli over 55 e del nuovo decreto previdenza.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il