BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni molto interessanti leggi regionali, riforma unione civili, catasto, riforma carcere cautelare: novità giovedì oggi

Ultime notizie e novità oggi giovedì 14 Maggio 2015: vediamo quali sono tra riforma pensioni, catasto, unioni civili e non solo




Novità e ultime notizie ad oggi giovedì 14 Maggio 2015 su riforma pensioni e diversi altri provvedimenti. 
Il governo Renzi continua nel suo cammino di cambiamento di alcune riforme, come quella delle pensioni ma anche del catasto e delle unione civili. E sono diverse le novità finora arrivate, eccezion fatta per la questione pensioni che, nonostante le continue discussioni, non ha ancora visto alcun cambiamento reale e concreto. Vediamo le singole novità.

Pensioni: Mentre il governo sembra debba percorrere ancora un lunga strada per arrivare all’approvazione di piani di uscita anticipata e flessibile per tutti, le singole Regioni hanno iniziato a muoversi in questo senso, e da Piemonte a Calabria, da Molise a Sicilia sono stati messi a punto piani flessibili per l’uscita anticipata dei dipendenti pubblici, realizzati soprattutto per favorire l’ingresso di nuovi giovani nel mondo del lavoro. E’ proprio questa infatti la spinta che lo stesso governo dovrebbe seguire per modificare l’attuale legge pensionistica e sembra che ministro Poletti e presidente dell’Inps boeri abbiano ben compreso questa necessità. Lo stesso Poletti ha infatti ammesso che, nonostante gli effetti positivi sui conti pubblici dell’attuale riforma pensioni, ne sono nati grossi problemi e non solo per esodati e quota 96 della scuola ma anche per le difficoltà di ingresso nel mondo del lavoro per i più giovani, visto che con l’allungamento dell’età pensionabile i lavoratori oggi impiegati sono costretti a rimanere a lavoro più a lungo. Intanto, si attende per fine mese, inizio giugno, la nuova proposta che Boeri e Poletti stanno definendo insieme e che dovrebbe prevede assegno universale e decreto previdenza.

Riforma unioni Civili: Dopo l'approvazione del divorzio breve che accorcia i tempi per una coppia per dirsi addio, passando d atre anni a un anno e sei mesi se si tratta di separazioni consensuali, entro la fine di maggio dovrebbe essere approvato il provvedimento sulle unioni civili, all’esame della Commissione Giustizia, che riguarderà le coppie omosessuali, prevedrà la possibilità di adottare il figlio del partner e permetterà la reversibilità della pensione. In riferimento a quest’ultimo punto, l'Inps ha consegnato una relazione con eventuali stime dei costi per lo Stato italiano, circa centomila euro nel primo anno, sei milioni nel 2025, per la reversibilità della pensione delle coppie omosessuali. Ma la questione non convince Carlo Giovanardi, senatore di Area popolare, che proprio al disegno di legge sulle unioni civili ha deciso di presentare tremila emendamenti. Il senatore si dichiara disponibile a una legge che “garantisca diritti e rimuova discriminazioni per tutte le coppie di fatto, etero ed omosessuali” ma esclude la reversibilità della pensione, l'adozione e la pratica della maternità surrogata, non contemplate dal testo governativo.

Riforma catasto: Sarà presentato a giugno il decreto per la riforma del Catasto, previsto per giugno, che cambierà la classificazione nelle varie categorie catastali degli immobili e sarà introdotta la classe ‘O’ per gli immobili. Le abitazioni che, per esempio, oggi son classificate nelle categorie A/1 (abitazioni signorili), A/2 (abitazioni civili), A/3 (abitazioni economiche) e A/4 (abitazioni popolari) saranno inserite nella nuova categoria catastale O/1 (abitazioni residenziali in fabbricati famigliari o promiscui); immobili oggi classificati nella categoria A/6 (abitazioni rurali) e A/7 (villini) rientreranno nella categoria catastale O/2 (Abitazioni in fabbricati residenziali unifamiliari, plurifamiliari isolati o a schiera). Le tettoie classificate in C/7 potrebbero diventare O/8 (Magazzini, depositi e tettoie), mentre posti auto (coperti e scoperti),  box e garage saranno classificati come categoria O/2; e gli uffici e studi privati oggi classificati in A/10 rientreranno nella categoria O/4 (Uffici, studi e laboratori professionali) e negozi e botteghe (C1) diventeranno O/7 (Negozi, laboratori artigianali).

Libera concorrenza: Il ddl Concorrenza sarà collegato al Def 2015 in modo da essere approvato in tempi più brevi. Nel documento redatto dal presidente della Commissione Boccia si legge infatti che ‘il contenuto del disegno di legge ‘Legge annuale per il mercato e la concorrenza’ è riconducibile alle materie individuate dalla risoluzione parlamentare di approvazione del Def 2015 che ha inserito tra i provvedimenti collegati alla manovra di finanza pubblica il Ddl’. E saranno previste novità per notai e avvocati, Farmacie, Rc auto, Poste. Per quanto riguarda il capitolo farmacie, è prevista l’abolizione del limite di 4 licenze attualmente previsto in capo ad un identico soggetto del settore delle farmacie; l’ingresso di soci di capitale nella titolarità dell’esercizio della farmacia detenuta da un privato; ed è stato cancellato l’obbligo che prevede che a dirigere la farmacia sia un farmacista socio.

Riforma carcere preventivo: E’ entrata in vigore la legge sulle misure cautelari personali, che modifica alcuni articoli del Codice di procedura penale, rendendo più difficile il ricorso al carcere preventivo. La novità definisce la custodia cautelare come una extrema ratio purché non si sia in presenza di accuse molto gravi come associazione sovversiva, associazione terroristica, associazione mafiosa, o internazionale. Resta comunque il fatto che i pericoli di fuga e reiterazione del reato saranno considerati come concreti e attuali. Per l’applicazione della misura cautelare serviranno poi adeguate giustificazioni, altrimenti la richiesta potrebbe essere bocciata dal Tribunale della Libertà. Modifiche anche agli arresti domiciliari, che potranno essere prolungati per un massimo da 2 a 12 mesi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il