BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia, donne, anzianità riforma Governo Renzi: novità modifiche peggiorative certe seppur quota 100, mini pensioni no

Quali sono novità e ultime notizie sulla riforma pensioni? Quali sono gli interventi peggiorativi da mettere in conto nelle prossime settimane?




Il destino della riforma pensioni Renzi è tutto da scrivere. Nonostante novità e ultime notizie sulla timida ripresa economica del Paese e sulla concessione della clausola di flessibilità sui conti pubblici da parte di Bruxelles, i margini di manovra continuano a essere piuttosto stretti. Ecco allora che vanno messi in conto anche interventi di segno negativo. Alcuni di questi, in realtà, erano già stati previsti nelle varie bozze del programma di spending review, come il taglio alle pensioni di invalidità e un nuovo contributo di solidarietà sugli assegni più alti. In ballo, però, ci sono anche quelle ipotesi di revisione della legge Fornero che senza coperture (economiche e politiche) rischiano di saltare.

In particolare sono in bilico le opzioni di andare in pensione a 62 anni di età con 35 anni di contributi, secondo uno schema più socialmente sostenibile di incentivi e penalizzazione, del prestito previdenziale, proposto dal ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti, con cui dare la possibilità del ritiro agli over 55 disoccupati, dell'applicazione di quota 100 come somma di età anagrafica e anni di contribuzione.

A livello pubblico sono previsti interventi su vari aspetti dell'amministrazione dello Stato, dalla licenziabilità dei dirigenti a modifiche alla carriera dei prefetti, alle Province, all'accorpamento dei Forestali in un altro corpo di polizia. Tra gli interventi più rilevanti, l'introduzione della valutazione continua dei dirigenti - e di questi ultimi verso le persone sottoposte - e il part time per favorire la staffetta generazionale tra i dipendenti pubblici. Come spiegato dal ministro Marianna Madia, "per il ricambio generazionale abbiamo abolito il trattenimento in servizio e l'affidamento di incarichi dirigenziali a pensionati. Sulla norma approvata al Senato mi sono rimessa all'Aula: i cittadini non vanno illusi".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il