Imu 2015 e Tasi 2015: Milano, Bologna, Genova, Modena e altre città prima rata aliquote.Calcolo abitazione principale,seconda casa

Si paga il 16 giugno l’acconto di Imu e Tasi 2015 con regole e modalità dell’anno scorso. Bologna e Modena tra i Comuni che hanno deliberato le nuove aliquote 2015

Imu 2015 e Tasi 2015: Milano, Bologna, G


Si paga il 16 giugno l’acconto di Imu e Tasi 2015 con regole e modalità dell’anno scorso. Si parte dalla rendita catastale da rivalutare del 5%, si moltiplica al risultato il coefficiente di ogni immobile, e alla cifra ottenuta devono essere applicate le aliquote deliberate da ogni singolo Comune. Nel caso della Tasi al risultato ottenuto devono essere sottratte detrazioni o esenzioni eventuali. Ricordiamo che l’Imu si paga su tutti gli immobili ad eccezione di abitazioni principali e pertinenze e terreni agricoli dei Comuni montani. La Tasi invece si paga su tutti gli immobili, prime case e relative pertinenze comprese e in questo caso, a differenza dell’Imu, pagano anche gli inquilini di case in affitto. Online è presente questo calcolatore di IMU e TASI 2015 per tutti gli immobili.

A loro spetta il pagamento di una percentuale compresa tra il 10 e il 30% della cifra totale da versare. Sono comunque pochi i comuni che finora hanno già deliberato le nuove aliquote 2015 ed è probabile che l’acconto di giugno sarà calcolato nella maggio parte di città italiane sulla base delle aliquote 2014. Tra i Comuni che hanno stabilito le nuove aliquote Bologna e Modena.

Il Comune di Bologna ha deliberato un aumento sull'Imu alzando le aliquote per le case affittate a canone concordato o date in comodato a parenti, aumentata anche la Tasi, passata dal 3,3 per mille al 4,3 per mille, mentre Modena ha aumentato l'aliquota Tasi prima casa portandola allo 0,33%. In ogni caso il contribuente è in regola se paga la prima rata calcolando il tributo con le regole in vigore per il 2014 e l'eventuale differenza si potrà versare in sede di conguaglio a dicembre.

A Milano, invece, l’aliquota Tasi al momento su prime case resta al 2,5 per mille con detrazioni, decise l’anno scorso e che non dovrebbero subire variazioni, da 115 euro a 24 euro stabilite in base al valore della rendita catastale. Ricalcando le decisioni dello scorso anno, prevista detrazione di 115 euro per le abitazioni con rendita catastale fino a 300 euro; una detrazione di 112 euro per le abitazioni con rendita catastale fino a 350 euro;

Detrazioni di 99 euro per le abitazioni con rendita catastale da 350,01 a 400 euro se, invece, il reddito complessivo non supera i 21 euro; una detrazione di 87 euro per le abitazioni con rendita catastale da 400,01 a 450 euro; una detrazione di 74 euro per le abitazioni con rendita catastale fino a 500 euro; una detrazione di 61 euro per le abitazioni con rendita catastale da 500,01a 550 euro; di 49 euro per le abitazioni con rendita catastale da 550,01 a 600 euro; e di 24 euro per immobili con rendita catastale  tra 600,01 e 700 euro. Aliquote Imu invece al massimo su seconde case e altri immobili. A Genova l’aliquota Tasi resta al massimo sulle prime case, al 3,3 per mille, mentre resta al 10,6 per mille l’aliquota sugli altri immobili.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il